13 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Milan-Juventus: al Meazza si sfidano due rivali per lo Scudetto

Più letti

Nuova Società - sponsor

L’Epifania tutte le feste porta via, ma in compenso come ultimo regalo di Natale lascia sotto l’albero un bel Milan-Juventus. Lo scontro principale per la corsa al tricolore si giocherà infatti all’inizio dell’anno, pochi giorni dopo che le squadre si saranno ritrovate nel weekend subito precedente. Rossoneri e bianconeri saranno infatti protagonisti assoluti del primo turno infrasettimanale del 2021. La posta in gioco è chiaramente altissima, anche perché il Milan è la squadra con più possibilità di strappare il titolo nazionale alla Juventus, interrompendone un ciclo che dura addirittura dal 2012.

Il “Diavolo” è tornato finalmente ad alti livelli con Stefano Pioli, ma è soprattutto dall’arrivo di Zlatan Ibrahimovic che i rossoneri hanno cambiato registro. Il rendimento è salito notevolmente e sia in campionato sia nelle coppe europee il Milan ha dato sempre prova di essere tornato ai livelli di un tempo. Ormai, anche quando lo svedese è assente la squadra riesce a camminare sulle proprie gambe. Niente più ribaltoni, niente più figuracce o goal del portiere avversario. Il Milan ha tutte le ragioni per ambire allo scudetto e non solo. La Champions League manca addirittura dal 2014: allora a guidare l’attacco era Mario Balotelli, forse alla sua ultima vera stagione da protagonista assoluto in carriera. Oggi non ci sono individualismi o attriti nello spogliatoio. Ibra è diventato un leader, un po’ meno spaccone di prima, che gioca sul personaggio che si è costruito negli anni. Sul lavoro, però, non si sgarra.

Anche la Juventus ha cambiato molto negli ultimi tempi, a partire dall’allenatore. Fuori Maurizio Sarri, incapace di riproporre a Torino il bel gioco visto a Napoli. Il tecnico toscano è riuscito a vincere il primo scudetto in carriera, ma ha clamorosamente fallito in Champions League, dove i bianconeri sono stati eliminati agli ottavi di finale dal Lione. Andrea Pirlo, appena divenuto tecnico dell’Under 23, è stato promosso immediatamente in prima squadra e dopo una lunga fase di rodaggio sembra finalmente aver trovato la quadratura del cerchio. La nuova Juventus è stata capace di strapazzare addirittura il Barcellona al Camp Nou.

E Cristiano Ronaldo? In due stagioni in Serie A non è riuscito a vincere la classifica dei marcatori, quindi quest’anno avrà una motivazione in più per fare bene. Non che ne servissero di nuove al cyborg del calcio, un atleta che preferisce risparmiarsi in campionato pur di giocare le gare meno importanti della Champions. CR7 si sente ancora al centro della scena e ha dimostrato a più riprese di poter essere determinante da un momento all’altro. La sfida con Ibrahimovic, quindi, sarà senz’altro emozionante.

Milan-Juventus non interesserà solo i semplici tifosi. Di fronte a un evento del genere, in vista del quale sarà davvero complicato realizzare pronostici efficaci, farsi un’idea su come gestire il money management nelle scommesse potrebbe risultare davvero indispensabile. Ogni squadra ritiene di avere tutte le carte in regola per vincere sull’altra. In questi mesi sono state soprattutto le lacune della Juventus a emergere e un’eventuale vittoria del Milan potrebbe persino scrivere una pagina importante della storia del calcio italiano. Mai come quest’anno lo scudetto rischia di scappare via da Torino.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano