7.3 C
Torino
martedì, 13 Aprile 2021

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di euro.
I lavoratori sono 4.839, con un aumento di 85 unità nel 2015, oltre il 90% assunti con contratti a tempo indeterminato. Il salario variabile sarà erogato nella busta paga di maggio, secondo le modalità previste dal contratto integrativo aziendale.
«Questo bilancio è importante – afferma il presidente Ernesto Dalle Rive (nella foto) – perché è l’ennesimo positivo negli anni della crisi. E’ un risultato che abbiamo raggiunto grazie alla abnegazione dimostrata da tutti i nostri lavoratori che ringraziamo per il quotidiano impegno volto al raggiungimento degli obiettivi della Novacoop conseguiti per altro in un contesto nel quale la cooperativa ha investito circa 13,5 ml di euro in convenienza a favore di clienti e soci».

«L’anno trascorso è stato per la nostra Cooperativa un anno difficile, ma grazie all’impegno, alla professionalità e agli sforzi comuni di tutti i lavoratori – aggiunge Lucia Ugazio Direttore Risorse Umane – abbiamo raggiunto ambiziosi risultati che hanno consentito di riconoscere un importante premio di salario variabile collettivo».

Nova Coop conta su 768.187 soci e una rete di vendita formata da 17 ipermercati e 45 supermercati, per un totale di 62 punti vendita. Nel 2015 ha realizzato ricavi per oltre 1 miliardo con un utile netto di circa 10 milioni di euro.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano