20.6 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Mense, l’assessora Salerno diffida la società appaltante: “Migliorare subito il servizio”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È stata messa in mora la società aggiudicataria dei lotti 1 e 3 della ristorazione scolastica torinese “con diffida ad adottare radicali e urgenti provvedimenti di riorganizzazione per il potenziamento dell’efficacia nell’erogazione del servizio, da completare al massimo entro mercoledì 8 novembre. In mancanza, la stazione appaltante valuterà l’adozione di ogni ulteriore azione necessaria, tra cui non si esclude un’eventuale risoluzione del contratto”. Ad annunciarlo l’assessora comunale all’Istruzione, Carlotta Salerno, in risposta a un question time del consigliere di Torino Libero Pensiero, Giuseppe Iannò, sui disservizi in alcune mense scolastiche.
L’assessora ha sottolineato che “i disservizi hanno interessato, nei giorni iniziali di maggior concentrazione delle disfunzioni, non più del 3-4% delle scuole servite, 10-15 su 334. E grazie al lavoro svolto le criticità sono passate a circa l’1% in ottobre per 6 lotti su 8. Non si sono registrati – ha precisato – rischi igienico sanitari che possano far preoccupare per la salute dei bambini”. 
148 i controlli a sorpresa effettuati dalla Città, 51 da parte della Camera di commercio più uno in ogni centro cottura, due volte per l’azienda messa poi in mora. Le segnalazioni ricevute e trattate: sono state 178 da reclami dell’utenza e 283 dal portale delle commissioni mensa e sono state contestate 140 non conformità e 107 raccomandazioni. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano