7.6 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Dazn, come ti spiego il "digital divide" in Italia

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ci voleva il campionato di calcio per far capire agli italiani il significato del digital divide.
Negli ultimi giorni internet è teatro dell’ironia social degli abbonati alla neonata piattaforma DAZN: visione a scatti, scarsa qualità, immagine che salta, tempi sfasati.
Colpa della compagnia? Al momento, ci sono mezze ammissioni, dichiarazioni su server che non hanno retto, numeri elevati di accessi.
Ma il grosso dei problemi arriva da un problema endemico del nostro Paese: la scarsa diffusione della banda larga.
Secondo l’ultimo rapporto Agcom, il peso degli accessi con velocità maggiore di 30 megabit al secondo, pari al 31,2% del totale, ha superato quello delle linee meno veloci (sotto i 10 mbit/s). Le linee con velocità compresa tra 30 e 100 megabit al secondo a fine marzo hanno superato i 3,1 milioni (+1,25 milioni), mentre quelle con velocità pari o maggiore di 100 megabit hanno raggiunto i 2,1 milioni (+1,19 milioni di linee su base annua).
Insomma, circa il 65% degli italiani non ha una copertura in banda larga.
Con buona pace dei comuni montani, delle aree interne, delle vallate, a queste condizioni è impossibile fruire di un buon servizio.
Ci sono 3,5 miliardi di euro di fondi europei (toh!) sul piatto da utilizzare e rendicontare entro il 2020.
C’è da sperare che Santa Diletta Leotta (passata da Sky a DAZN) faccia il miracolo.
Scritto da Fabio Malagnino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano