8.5 C
Torino
martedì, 27 Ottobre 2020

Il ponte della discordia

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Quando le Circoscrizioni 1 e 3 presentarono unitamente l’idea di intitolare all’Unione Europea il nuovo ponte nei pressi della stazione di Porta Susa, immaginavano di certo ben altro che l’ennesima bagarre istituzionale scaturita in queste ore tra Comune ed enti decentrati.
L’idea originale era infatti di sfruttare l’occasione dell’apertura del nuovo collegamento tra corso Matteotti e via Cavalli per unire non solo due circoscrizioni vicine e afflitte in quell’area da un traffico molto insistente, ma anche e soprattutto dare valore a quel tratto stradale che unisce e permette il passaggio di pedoni, ciclisti e veicoli.
Un passaggio, ma non solo. Un ponte, ma non solo. Perché un ponte è molto più di un tratto di strada, è un collegamento, tra persone, idee, tradizioni e ricchezze culturali. Unisce e mette sullo stesso piano due territori.
Questa la base da cui partì l’idea di intitolare con tale nome il nuovo ponte, un luogo che permettesse di incarnare quei principi che fanno dell’Unione Europea una speranza ad oggi assai concreta quanto in bilico e sempre nel mirino delle cronache moderne.
Sull’onda di questi principi, i consigli unanimi delle due Circoscrizioni approvarono la proposta di intitolazione, affinché la commissione Toponomastica potesse prendere in carico l’idea, di lì a poco divenuta concreta, fino all’evento di apertura contestuale all’intitolazione prevista per il giorno 5 aprile appunto.
La conferenza dei capogruppo comunali opportunamente e tempestivamente decide però di rinviare l’evento per rispettare il lutto della famiglia di Beatrice, ragazzina investita dal treno in arrivo al binario di Porta Susa proprio in quelle stesse ore.
La sindaca e il suo gabinetto di regia, con un coup de théâtre magistrale, decidono di aprire e inaugurare questa mattina alle 11 il ponte, smentendo la volontà degli stessi capogruppo e scavalcando le Circoscrizioni, fornendo l’alibi dell’utilità pubblica e di non tenere inutilizzata un’opera già terminata.
Superando per l’ennesima volta la cortesia istituzionale e il rispetto del decentramento che ormai non fa più notizia nel regno sabaudo, la sindaca oggi inaugurerà il tratto di strada, il Ponte Unione Europea che al momento non avrà questo nome, ma solo dei cartelli stradali coperti da teli neri pronti a essere rimossi in un’altra cerimonia, quando ormai automobilisti, ciclisti e pedoni lo avranno soprannominato passaggio Cavalli, o via Matteotti, giusto per darsi un riferimento e capire in quale tratto di strada si trovino.
Si perde così l’ennesima occasione per mettere da parte la visibilità e parlare di contenuti, tra cui il rispetto nei confronti di una tragedia avvenuta proprio poche ore prima, e la possibilità di affinare alcune criticità sollevate più volte dalle circoscrizioni in merito alla sicurezza stradale e agli arredi urbani con cui è stata terminata l’opera.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Notte di guerriglia contro le chiusure

Fuochi di artificio, lanci di bottiglie, petardi, bombe carta e cori contro la giunta regionale e contro le forze dell’Ordine schierate in...

Ore 18: chiudono bar e ristoranti

Il silenzio è interrotto solo dal rumore delle sedieche vengono impilate e delle saracinesche che calano. Mancano pochi minuti alle 18, l'ora...

Inizia il lunedì di protesta a Torino: taxi in piazza Castello contro chiusure

Mentre per la serata sono attese due manifestazioni di protesta contro il nuovo Dpcm firmato ieri da Conte e che prevede la...

Elena Piastra positiva al Covid. La sindaca di Settimo: “Non abbassiamo la guardia”

Il test rapido le ha dato esito positivo e ora farà il tampone molecolare per averne conferma. La sindaca di Settimo Elena...

“Siamo costretti a chiudere”. La protesta di Confesercenti contro il Dpcm

“Alle 18.00 siamo costretti a chiudere, ma avere un futuro è un nostro diritto”. È questo il messaggio del manifesto che migliaia...