15.2 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Natale e Capodanno zona rossa in tutta Italia

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

A Natale e Capodanno zona rossa in tutta Italia. Dopo l’ipotesi di consentire gli spostamenti tra Comuni il governo ha cambiato sulle festività natalizie e già nelle prossime ore potrebbe varare dei provvedimenti che inaspriscono le misure anti Covid al massimo in tutta la penisola. 

A preoccupare infatti sono le scene dello scorso weekend dove in tutte le principali città si sono registrate code nei negozi e nei ristoranti e una grande folla per le strade. Tanto che la paura di una terza ondata è sempre più concreta.

Da qui il vertice di urgenza del governo e la linea dura dei ministri Bonafede e Speranza che chiedono di chiudere tutto.

Natale e Capodanno in zona rossa

L’ipotesi al vaglio dunque è di far tornare tutta Italia in zona rossa chiudendo negozi, bar e ristoranti. Prendendo da esempio la Germania che si prepara a festività in lockdown per evitare una nuova crescita dei contagi.

Ancora da valutare però quanto estendere le misure di sicurezza: se le chiusure e i divieti varranno solo per i giorni festivi e prefestivi (24-25-26-31 dicembre e 1 gennaio) o se estendere per una decina di giorni coprendo anche quelli non festivi ma comunque in cui molte persone a casa potrebbero voler fare giri di acquisti o gite fuori porta.

Unica eccezione resterebbero i piccoli comuni, quelli sotto i 5mila abitanti, da cui ci si potrà spostare in un raggio di circa 30 chilometri.

Come detto, la misura che potrebbe essere oggetto di un nuovo Dpcm è al vaglio del governo in queste ore. Ma di sicuro rispetto alla linea più morbida di chi chiedeva la possibilità di spostamenti a Natale sta prevalendo quella dura dettata proprio dalla paura che allentare la presa durante le festività possa portare a gennaio a una terza ondata difficile da gestire. Paura resa più fondata dalle recenti immagini di città prese d’assalto come se fosse un normale weekend pre natalizio. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano