10.9 C
Torino
giovedì, 23 Maggio 2024

Manovra, centrodestra: “Ok bonus veicoli sicuri”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Grazie a un emendamento proposto dal centro destra, votato all’unanimità in Commissione Trasporti e approvato ieri alla Bilancio, in manovra arriva un aiuto concreto per i centri di revisione. Dopo tredici anni di blocco dei prezzi, viene infatti riconosciuto l’adeguamento delle tariffe dei centri privati per la revisione dei mezzi, aumento che però non ricadrà sulle tasche dei cittadini ma sarà coperto dallo Stato attraverso il ”Bonus Veicoli Sicuri”. Esprimiamo anche soddisfazione per l’approvazione dell’emendamento presentato all’unanimità dalla commissione Trasporti per la creazione di un fondo per la sicurezza stradale, che consentirà di creare nuovi spazi riservati al parcheggio di disabili e donne in gravidanza, un preciso impegno che avevamo assunto con le categorie interessate. Spiace invece che governo e maggioranza non abbiano avuto il coraggio di completare il percorso di affidamento ai centri di controllo privati delle revisioni sui mezzi pesanti, che resta da due anni incomprensibilmente a metà nonostante l’accordo di tutti i gruppi parlamentari. Si è sprecata l’ennesima occasione per ridurre i tempi di attesa delle Motorizzazioni, dove la situazione è prossima al collasso. Il nostro impegno proseguirà in sede di modifica del Codice della Strada”. Lo dichiarano in una nota i deputati Deborah Bergamini e Roberto Rosso (Forza Italia), Elena Maccanti e Giuseppe Donina (Lega), Mauro Rotelli e Marco Silvestroni (Fratelli d’Italia), componenti della Commissione Trasporti alla Camera. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano