13.8 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Cyber risk: le aziende sono più consapevoli dei rischi, ecco gli attacchi più diffusi

Più letti

Nuova Società - sponsor

La trasformazione digitale ha indubbiamente portato degli enormi vantaggi alle aziende, che oggi possono contare su molti sbocchi e opportunità. Se però da un lato la tecnologia continua ad evolversi, dall’altro aumentano anche i rischi, per via dei possibili attacchi informatici. 

Si parla di un fenomeno che negli ultimi mesi è cresciuto molto, anche per via del massiccio uso della rete causato dalla pandemia e del periodo di lockdown. Questa situazione impone dunque la massima attenzione da parte delle aziende, e spesso si tratta di un consiglio che viene ascoltato: non a caso, le aziende di oggi sono sempre più consapevoli dei pericoli del digitale e del cyber risk.

Il problema della sicurezza informatica e la sua importanza

Stando ad una recente ricerca, le aziende sono a conoscenza dei rischi legati al digitale, e della possibilità che qualche hacker tenti un attacco diretto ai propri server. Non a caso, sono numerose le imprese che hanno già assunto un esperto in cyber-sicurezza, in modo tale da proteggersi prendendo tutte le contromisure del caso. 

Questo è un tema molto attuale e molto importante, per una serie di motivi. Un attacco andato a buon fine potrebbe permettere ad un hacker di sabotare il sistema o di rubare preziose informazioni tecnologiche o commerciali. Inoltre, può configurarsi un serio problema di difesa dei dati dei clienti iscritti nel database, con conseguenze disastrose per la loro privacy. Per fortuna oggi esistono anche altre forme di tutela, per far fronte a questi rischi e ad eventuali danni ai propri sistemi, un esempio è l’assicurazione per le apparecchiature elettroniche Helvetia CyberElettronica, una polizza che fornisce garanzie in molti dei casi che andremo a vedere tra poco. Bisogna poi aggiungere che un eventuale attacco hacker potrebbe anche mettere a rischio la reputazione del brand dell’azienda, come teme già l’87% delle imprese.

Quali sono le tipologie di attacco informatico più diffuse

Ci sono diversi pericoli che possono colpire il sistema informatico di una qualsiasi azienda, e fra questi troviamo al primo posto i classici malware. Si tratta di programmi che prendono di nascosto dei dati e li comunicano in direzione di una fonte esterna, causando così un grave danno. 

Fra le minacce più recenti troviamo invece i ransomware: questi particolari malware criptano tutti i dati contenuti sui server dell’azienda colpita e, per sbloccarli, chiedono un ricco riscatto in bitcoin. Naturalmente anche il phishing entra a pieno titolo nella lista delle minacce più frequenti, e avviene inviando delle mail che contengono link a piattaforme fake che spingono l’utente a fare un login, così da rubare username e password. Nell’elenco si trovano anche il phone hacking (violazione dei telefoni aziendali) e gli attacchi DDoS, che “bombardano” i siti aziendali facendoli andare offline. In sintesi, le minacce non mancano, dunque è fondamentale prevenirle e agire per tempo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano