14.7 C
Torino
martedì, 2 Marzo 2021

Conte dà le dimissioni. Ipotesi governo di “salvezza nazionale”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Giuseppe Conte ha rassegnato le dimissioni dall’incarico di primo ministro. A mezzogiorno, terminato l’ultimo Consiglio dei ministri, è salito al Quirinale dove ha incontrato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per comunicare la sua volontà. Mattarella si è riservato di decidere e ha invitato l’esecutivo a rimanere in carica per sbrigare gli affari correnti. Da domani pomeriggio inizieranno le consultazioni per formare il nuovo governo.

Conte dà le dimissioni: “Ringrazio i ministri per il sostegno”

Prima di incontrare Mattarella Conte ha presieduto l’ultimo Consiglio dei ministri, in cui ha ringraziato il suo esecutivo per il sostegno dato in questi mesi che hanno risposto con un lungo applauso. Dopo l’incontro, durato una mezz’ora, con Mattarella, ha comunicato ai presidenti di Camera e Senato di aver rimesso il suo mandato al presidente.

Ora si tratta di capire quale sarà il futuro: Mattarella avvierà già domani mattina consultazioni lampo con tutte le forze politiche e si deciderà quale potrà essere la soluzioni. Intanto Pd, M5s e Leu hanno espresso la disponibilità a un Conte Ter, ipotesi che anche il Quirinale avvallerebbe.

Intanto, Conte non farà nessuna conferenza stampa per annunciare la sua scelta. Piuttosto si parla di un video che potrebbe circolare sui social in cui l’ex premier spiegherebbe le sue motivazioni e inviterebbe a un governo di “salvezza nazionale”. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano