18.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Appendino e “l’interesse della Città”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Oggi apprendiamo che il Governo di Lega e M5S non ha dato le garanzie finanziarie necessarie ad ospitare le ATP Finals di tennis 2021-2026. Un grande evento sportivo che avrebbe portato una ricaduta economica diretta molto importante e una grande visibilità internazionale.
La decisione del Governo, se confermata, avrà come effetto la mancata candidatura di Torino e sarà l’ennesimo evento perso dalla Città da quando i grillini sono al governo.

La Sindaca Appendino ha definito la cosa “una pugnalata al nostro territorio” smentendo tuttavia le voci di sue dimissioni dichiarando “continuerò a lavorare nell’interesse della Città”.

Delle ATP Finals, finite nel gioco dei veti incrociati e dei giochetti Lega-M5S (tu grillino non finanzi le Olimpiadi a Milano-Cortina e io Lega non ti finanzio gli ATP a Torino) discuteremo in Sala Rossa lunedì 4 marzo avendo noi richiesto le comunicazioni urgenti alla Sindaca.

Mi soffermo invece sullo stravagante concetto di “interesse della Città” che sarebbe, secondo se stessa, il motore che spingerebbe Appendino a rimanere alla guida di Torino.

Riporto qui un piccolo elenco (probabilmente non esaustivo) delle azioni di Appendino e del M5S in questi tre anni “per la Città”:
– No Olimpiadi
– No Tav Torino-Lione
– No al sottopasso Piazza Baldissera e sottopasso Rotonda Maroncelli
– No a nuove pedonalizzazioni
– Rallentamento della progettazione della Linea 2 della Metro
– ZTL a pedaggio 5 euro e chiusa tra le 7.30 e le 19.30
– Aumento del prezzo del biglietto del bus
– Taglio delle frequenze delle linee di trasporto pubblico
– Chiusura dei locali del Valentino
– Militarizzazione della Movida
– Mancato riavvio dei Murazzi
– Aumento della TARI
– Aumento di tutte le imposte comunali
– Azzeramento delle manutenzioni e del taglio dell’erba
– Riduzione dell’igiene urbana
– Riduzione degli eventi culturali
– Svendita di Iren e delle quote dell’aeroporto di Caselle
– Blocco delle varianti urbanistiche e via libera solo ai supermercati
– Abbandono delle periferie e diminuzione della percezione di sicurezza
– Taglio al trasporto disabili
– Taglio agli uffici comunali decentrati
– Aumento delle code per i documenti all’Anagrafe

Sicuramente dimentico altre brillanti azioni di Appendino “nell’interesse della Città”.

Darei un consiglio non richiesto alla nostra Sindaca: se per mascherare la sua palese inadeguatezza al ruolo a valle di tutti questi fallimenti conclamati deve giustificare l’attaccamento alla poltrona, usi altri argomenti.
Noi, e ormai credo non solo noi, abbiamo un concetto un pò diverso di “interesse della Città”

Scritto da Stefano Lo Russo, capogruppo Pd in consiglio comunale a Torino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano