31.7 C
Torino
venerdì, 7 Agosto 2020

Appendino e i Cinque Stelle consegnano il destino di Iren in mano ad altri

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Oggi nonostante la nostra totale contrarietà Appendino e la sua maggioranza hanno voluto forzare e far arrivare in Consiglio Comunale la delibera che cambia lo Statuto di Iren, ma soprattutto ridisegna il peso dei diversi soci: Torino, Genova e l’Emilia.

Il combinato disposto della vendita delle azioni Iren fatta da Appendino a Novembre 2018, del corrispondente acquisto di azioni da parte di Genova e della modifica dei patti tra i soci consegna la Città di Torino alla sostanziale irrilevanza nel futuro assetto della società che verrà deciso a giugno prossimo.
Decideranno tutto i genovesi e, sulla base di quanto ha deciso Appendino, o Torino prende il pacchetto o ciccia.

- Advertisement -

Si tratta del destino di un asset fondamentale per il nostro territorio, si tratta di oltre 3 miliardi di euro di investimenti da qui al 2023 di cui oltre 1 su Torino, si tratta di centinaia di posti di lavoro. Si tratta di un pezzo gigantesco della nostra economia e dei servizi pubblici erogati ai cittadini torinesi.

- Advertisement -

Faremo di tutto in Consiglio Comunale per impedire che questo scempio si compia e che una storia ultracentenaria, che nasce con l’Azienda Elettrica Municipale, vada bruciata così, in pochi mesi, da questi “signori” al governo della città.

Scritto da Stefano Lo Russo, capogruppo Pd in consiglio comunale a Torino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...

Viviana Ferrero contro le telecamere di Appendino: “Riappropriamoci di luoghi della città”

Ieri era stata Maura Paoli a dare il via alle polemiche interne alla maggioranza Cinque Stelle sulla vicenda dell'istallazione di 300 nuove...