5.3 C
Torino
giovedì, 28 Ottobre 2021

Vacanze in Sicilia: quali sono i posti più belli da visitare?

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor

La Sicilia è una delle isole più invidiate da tutto il mondo, e anche se da italiani spesso ce ne dimentichiamo, le bellezze di questa terra si trovano letteralmente a due passi da noi. Essendo particolarmente ampia e variegata, la Sicilia non si fa scoprire da chi voglia trascorrerci meno del tempo necessario: per godere appieno delle meraviglie della trinacria conviene restare sull’isola il tempo giusto per catalogare le principali attrazioni distribuite sui tre lati dell’isola. Questo articolo sarà una guida informativo per chiunque voglia trascorrere le prossime vacanze in Sicilia, affinché sappia (almeno) da dove cominciare!

Palermo: sapore d’Oriente

Sembrerà strano, ma il capoluogo siciliano si distingue particolarmente dal resto dell’andamento architettonico e naturalistico dell’isola. Non è un tipico luogo di mare (la migliore spiaggia nelle vicinanze è quella di Mondello, che dista 30 km), e non è una tipica città della magna Grecia: vera e unica caratteristica di Palermo, che la distingue da ogni altra città italiana, è la peculiare aria d’oriente. Passeggiando per la città si possono ammirare i palazzi con facciate in stile islamico, e molti musei sono dedicati all’arte mediorientale. Inoltre, le cattedrali più famose sono ben lungi dallo stile barocco tipico di altre località sicule, prediligendo invece l’oro dei mosaici bizantini e normanni. Tra le attrazioni architettoniche principali ricordiamo:

  • Cattedrale di Santa Maria dell’Ammiraglio (La Martorana)
  • Cattedrale di Monreale
  • Palazzo Mirto
  • Palazzo della Zisa


Noto, Modica e Ragusa

Sicuramente avrete sentito parlare delle famose località barocche della Sicilia: sono tutte cittadine molto piccole, con un centro storico ristretto ma estremamente caratteristico. Tanto belle – non ci crederete – che probabilmente sono le migliori città della Sicilia e hanno vinto la denominazione di Patrimonio dell’Unesco.

Cefalù 

Impossibile non nominare almeno una volta uno dei luoghi di mare probabilmente più noti di tutta la penisola. Sebbene sia ormai molto diversa da come viene rappresentata e abbia perso parte del suo fascino decadente a causa della presenza turistica massiccia, Cefalù è esattamente la cittadina marinaresca che tutti immaginiamo quando pensiamo alla Sicilia. Porto pittoresco con case stile antico, pescatori sul molo e barche a remi come se la storia si fosse fermata al medioevo, il tutto condito da un’acqua cristallina a dir poco sconcertante. Non mancano nemmeno le attrazioni culturali, tra cui la famosa Cattedrale Normanna di Cefalù.

Agrigento e Segesta 

Per gli amanti dell’arte classica, la Sicilia non è una regione evitabile. Il più famoso complesso di templi greci risale al VI secolo ed è collocato proprio nelle città di Agrigento, seguito da quelli di Selinunte e Segesta. La città perde terreno di fronte alla bellezza spiazzante di questo lascito della magna Grecia: non solo si tratta del più ampio sito archeologico classico della Sicilia, ma è un vero tesoro dell’umanità. Sono 8 sono i templi collocati nella famosa Valle, che hanno ottenuto ancora una volta il marchio di patrimonio UNESCO.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano