12.8 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Una raccolta firme contro la ciclabile di via Nizza

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La pista ciclabile che percorre via Nizza continua a essere al centro di un acceso dibattito tra chi è favorevole e chi è contrario alla carreggiate dedicata alle biciclette. 

E c’è anche chi ha lanciato una raccolta firme per la “Petizione popolare contro la pista ciclabile di via Nizza”. In alcuni fogli sparsi lungo la via e in quelle adiacenti si invita a firmare la proposta avanzata da cittadini e alcuni commercianti “per chiedere la revisione della pista ciclabile”. Un documento che verrà inviato al Consiglio Comunale e che per i promotori “rappresenta la necessità di provvedere ad un riesame della questione, stante l’oggettiva pericolosità del tracciato con forti ripercussioni alla viabilità, alla circolazione dei pedoni, ciclisti e con effetto negativo a discapito delle attività commerciali, per la massiccia riduzione degli introiti a causa dello sviamento della clientela, disincentivata dal fermarsi con le auto, a causa di carenza di spazi per la fermata e la sosta”. 

Una petizione che ha suscitato non poche polemiche da parte di chi è favorevole alla pista ciclabile. Infatti, per molti essa ha rappresentato un vero e proprio modo di riqualificate la via e una soluzione valida di mobilità. C’è anche chi minaccia lo sciopero contro i commercianti che hanno aderito alla petizione. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano