24.9 C
Torino
sabato, 4 Luglio 2020

Un ritratto di Domenico Carpanini

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...
Michele Ruggiero
Michele Ruggiero
Giornalista professionista, vive e lavora a Torino. Presidente dell'associazione la Porta di vetro, è autore di numerose pubblicazioni, le ultime in ordine di tempo: Ricordi vita e pensiero in monsignor Luigi Bettazzi (coautore Luca Rolandi), Una vita da secondo (coautrice Alessandra Demichelis), Il terrorismo, testimonianze nella memoria di chi l'ha vissuto, "Pronto, qui Prima linea" (coautore Mario Renosio). Collabora con il settimanale della Curia torinese La Voce e il Tempo e con la rivista TorinoStoria.

Domenico Carpanini se ne andò in una sera di campagna elettorale. Era l’ultimo di febbraio del 2001 e l’ultimo appuntamento di una giornata intensa come intensa era la sua passione politica che lo portava a chiedere principalmente a se stesso sempre un’oncia in più del proprio dovere. Che, secondo il suo modus vivendi e operandi, doveva essere comunque superiore ai comuni parametri della gente comune.

Ma il tarlo della politica non gli dava tregua e gli imponeva ritmi da inseguitore, per usare una metafora ciclistica. E per alcuni versi, Domenico Carpanini si viveva davvero come tale, costretto com’era ad inseguire i suoi sogni tra mille difficoltà e ostacoli, consapevole di aver accumulato un fondo di tristezza nello scoprire che ad ogni scatto in avanti o in alto che veniva ventilato o di maggiore responsabilità nel partito o in un ruolo politico-amministrativo, le prime riserve partivano puntualmente dall’interno.

- Advertisement -

Fuoco amico. Era stato così anche per la sua candidatura a sindaco di Torino, dopo una doppia stagione da ammirevole e stimato “secondo” del professore Valentino Castellani e una lunga gavetta da consigliere in Sala Rossa. Qualcuno all’interno del suo partito, il Pds, erede del Partito comunista italiano in cui Carpanini aveva militato dopo una iniziale esperienza socialista, aveva affidato alla mimica facciale dubbi e perplessità, che naturalmente poggiavano sul nulla.

- Advertisement -

Altri, invece, avevano cominciato a domandarsi, con quella classica aria da finti distaccati della politica, se fosse la persona giusta da candidare a sindaco, anziché ammettere in primo luogo che per onestà e competenza non era certo la persona sbagliata. Un comportamento incomprensibile e irritante per Domenico Carpanini, disponibile allo scontro politico, lui “migliorista” nella geopolitica correntizia del Pci, per anni abituato ad essere minoranza, ma indisponibile alla crudeltà personale verso altri, in nome di quello stesso scontro.

Non tutti, però, erano disposti ad avallare la degenerazione della politica di cui all’epoca si avvertivano i primi vagiti. Tra quelli, vi fu Giuseppe De Maria, scomparso prematuramente all’inizio del 2005. All’epoca numero uno dell’Ascom, l’associazione dei commercianti torinesi, De Maria si schierò senza incertezze e pubblicamente a fianco di Domenico Carpanini.

Un gesto risoluto e netto che contribuì a spiazzare i soliti malmostosi di professione, rancorosi per nascita non appena all’orizzonte appare una persona perbene, propalatori di malignità al servizio di chi teme gli onesti. A De Maria seguirono altre prese di posizione favorevoli alla candidatura e ciò contribuì a rafforzare Domenico Carpanini, ma non a cancellare in lui la sensazione dolorosa che avrebbe dovuto sempre dimostrare più di altri di meritarsi una chance di vittoria.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Coronavirus, una nuova ordinanza dalla Regione Piemonte

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio firmerà nelle prossime ore una nuova ordinanza. Dal 10 luglio sarà consentita...

‘Ndrangheta in Piemonte, Roberto Rosso ai domiciliari

Il tribunale del Riesame ha concesso gli arresti domiciliari a Roberto Rosso, l'ex assessore regionale del Piemonte in carcere a Torino dal...

Caso Ogr, Cirio: “Per martedì un incontro, troveremo soluzione”

A seguito delle polemiche sulla rilocazione del Covid Hospital inserito all'interno delle Officine Grandi Riparazioni,oggi Il il presidente della Regione Piemonte, Alberto...

Caso Ogr, Laus(PD): “E’ suicida l’idea di guardarle morire”

Il Senatore Mauro Laus del Partito Democratico chiede l'intervento di Regione e Comune per non lasciar morire le Officine Grandi Riparazioni, che...

Università Torino, stop borse di studio per gli “studenti violenti”

Niente borse di studio per gli universitari che sono considerati dei "violenti e facinorosi". Così è stato deciso da un provvedimento, definita...