15.2 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

TeleTrade: La BoJ si è aggiunta ai timori di una recessione cronica

Più letti

Nuova Società - sponsor

Durante questa settimana di Natale le azioni globali hanno testato facilmente nuovi minimi poiché è emersa ulteriore ansia da una diagnosi provvisoria da parte della comunità di esperti secondo cui la Banca del Giappone (BoJ) potrebbe unirsi al percorso di altri regolatori finanziari nel graduale spostamento della propria posizione monetaria. La parte della folla degli investitori, che è rimasta abbastanza coraggiosa da tenere le luci accese dopo i messaggi aggressivi della Federal Reserve (Fed) e della Banca Centrale Europea (BCE), ora sembra aver perso la speranza. In momenti come questi la speranza cede alle circostanze mentre una nuova storia molto calda si aggiunge alle paure croniche di recessione.

La BoJ ha appena deciso di mantenere i suoi tassi di interesse di riferimento a un livello vicino allo zero, come previsto, ma il banchiere centrale sta anche modificando la sua politica di controllo della curva dei rendimenti per consentire al rendimento del JGB a 10 anni di spostarsi di 50 punti base su entrambi i lati dello 0%, da un intervallo precedente di 0,25% negativo a 0,25% positivo, commenta Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade, Ilya Frolov. 

Questa gamma può essere estesa. Ma questo è un passo che potrebbe essere equivalente a un aumento dei tassi di interesse? La risposta sembra tendere più al no che al sì. Alcuni esperti vedono un buco nella posizione irremovibile della BoJ e finora, questo è tutto ciò che il mercato può fare.

Tuttavia, questa notizia è stata sufficiente per far scendere il tasso di cambio del biglietto verde rispetto allo yen giapponese di quasi 550 punti base da circa 137,50 a meno di 132, mentre l’indice Nikkei delle blue chip del paese è sceso del 2,5%. I futures sull’indice S&P 500 statunitense hanno perso un altro 1,5% toccando un nuovo minimo di quasi 3775 a dicembre. Tutti i principali indici azionari europei stanno seguendo il sell off.

Alcuni dati migliori del previsto dall’Europa potrebbero aiutare questa situazione. Ad esempio, i prezzi all’ingrosso tedeschi sono diminuiti del 3,9% su base mensile poiché i picchi dei costi energetici non sono stati così aggressivi come prima, secondo l’Ufficio federale di statistica Destatis, il numero annuale si è attestato al livello inferiore del 28,2% rispetto al suo recente picco di 45,8%. In un altro calcolo, che esclude i prezzi dell’energia, l’inflazione dei prezzi alla produzione è scesa al 12,9% su base annua, dopo aver toccato il picco nominale a maggio del 16,5%. Tuttavia, è ben noto che questo è stato l’effetto dell’elevato risultato di riferimento dello scorso autunno, e non una diminuzione dei prezzi effettivi.

Le parole del capo della BCE, Christine Lagarde, la scorsa settimana suggeriscono che ci sia ancora più spazio per alzare i tassi di interesse in Europa che per la Fed negli Stati Uniti. Ciò non ha lasciato alcun dubbio sul fatto che le autorità finanziarie saranno ancora più dure nei confronti dell’economia, facendo sì che i prezzi delle azioni continuino a scendere. Ancora una volta, la sterlina britannica potrebbe essere un’altra vittima dell’attuale forza relativa della moneta unica poiché la Banca d’Inghilterra sembra essere più vicina alla fine del suo ciclo di inasprimento rispetto sia alla Fed che alla BCE, con un disavanzo delle partite correnti più ampio nel Regno Unito che rappresenta un motivo in più per la possibile debolezza della sterlina.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade

Disclaimer:

Le analisi e le opinioni fornite nel presente documento sono intese esclusivamente a scopo informativo ed educativo e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio d’investimento da parte di TeleTrade.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano