11.4 C
Torino
giovedì, 13 Giugno 2024

Il punto sul campionato di serie A 2022-2023 in attesa della ripartenza

Più letti

Nuova Società - sponsor

Archiviato il Mondiale in Qatar con la finale spettacolare tra Argentina e Francia, il cui esito nel corso della gara è stato tutt’altro che scontato, ci concentriamo nuovamente sull’intensa stagione calcistica che terminerà il prossimo 4 giugno 2023, per quanto riguarda il campionato di serie A.

Serie A che ritrova fin da subito i suoi protagonisti, le sfide e le partite importanti, in calendario proprio a partire da gennaio e poi ancora a proseguire con il mese di febbraio e marzo, che vedranno nuovamente in scena anche le coppe internazionali a partire dalla terza settimana di febbraio. Si riparte quindi da dove tutto si era interrotto, proprio per fare posto al Mondiale qatariota, collocato in una insolita quanto improbabile finestra temporale, che ha scatenato non poche polemiche e perplessità. Con la vittoria dell’Argentina però il capitolo mondiale è temporaneamente concluso, anche perché la prossima edizione che si disputerà principalmente in Nord America (Canada, Stati Uniti e Messico i Paesi organizzatori) sarà probabilmente un nuovo format, con un numero aggiuntivo di nazionali che andrà a caratterizzare un nuovo tipo di torneo. 

Il Calendario di serie A 2022-2023 per completare il girone d’andata

Pronti via si ricomincia subito forte con sfide di vertice in calendario. Protagoniste sono un po’ tutte le prime della classe, a partire naturalmente da quel confronto considerato dai più come banco di prova o se preferite come spartiacque per questo girone d’andata. La sfida del Meazza tra l’Inter di Simone Inzaghi e il Napoli capolista guidato da Luciano Spalletti, non è solo una gara di alta classifica, che andrà a meglio definire le gerarchie del campionato, ma sarà anche una partita stimolante per i tanti significati che questo genere di partite porta con sé. Non è difficile pensare che se la formazione nerazzurra riuscirà a bloccare il Napoli, la prima squadra che potrebbe trarne vantaggio non è certo l’Inter, bensì il Milan di Pioli, uscito un po’ ridimensionato dal confronto, ma quantomeno ancora in gara e se vogliamo anche di più rispetto a Inter e Juventus, che se si considera l’arco della stagione, sono state squadre discontinue e a volte impalpabili come e più di Roma e Lazio. 

L’Atalanta di Gasperini in evidente crisi quest’anno

Difficile pensare invece che questa Atalanta di Gasperini possa davvero avere un ruolo di protagonista o anche solo concorrere per un piazzamento utile in Champions League. Sembra infatti che le idee, la qualità e la quantità della Dea siano in fase di transizione e di rivalutazione critica, dopo diversi anni trascorsi ai vertici, non solo in Italia, ma anche in Europa. Eppure è emblematico come appena la squadra abbia perso alcune pedine, sia passata dal top al flop. Tra i flop di questa prima parte del torneo va messa anche la Fiorentina di Vincenzo Italiano, squadra volitiva che propone un gioco molto offensivo, ma che a livello concreto deve ancora fare un ulteriore step, se vuole davvero competere con le prime della classe. 

La situazione delle romane, in fase di consolidamento per il campionato

Prima dell’inizio del campionato si era parlato un bel po’ della campagna acquisti imponente della Roma di José Mourinho, squadra che Friedkin aveva costruito per tornare ai vertici del calcio italiano prima, internazionale dopo. La Roma lo scorso anno aveva chiuso nel migliore dei modi la stagione, disputando un’ottima Conference League e vincendo in finale in modo convincente. Tutte le premesse erano valide per disputare anche un campionato da assoluta protagonista, anche perché secondo gli esperti analisti e per i pronostici di inizio stagione, la Roma doveva stare in testa alla classifica, a giocarsela con le favorite di sempre: Juventus e Inter. 

La Juventus di Allegri e l’Inter di Inzaghi: le vere favorite a inizio stagione per lo scudetto

Bianconeri che per via di un sontuoso mercato estivo, erano dati come sicuri favoriti, in lizza proprio con l’Inter che per via del clamoroso rientro di Lukaku, erano considerati la vera squadra da battere. Juventus e Inter, non solo erano favorite rispetto a Lazio, Atalanta, Napoli e Roma, ma erano considerate le vere candidate per lo scudetto. Il Napoli infatti, avendo aggiornato la rosa, tolte alcune figure di rilievo, veniva posizionata come quinta forza del campionato, addirittura fuori dal discorso Champions, staccata rispetto alle milanesi, alla Juve e alla Roma di Mourinho. Le cose come abbiamo visto sono andate in modo differente, anche se restano quattro gare da disputare per stabilire in termini di gerarchie, quale potrebbe essere la formazione campione d’Inverno per questo campionato di serie A 2022-2023. Ora per quanto riguarda le scommesse calcio possiamo vedere come tutte le quote stiano favorendo la vittoria potenziale del Napoli di Luciano Spalletti, ma c’è da dire che per il finale di stagione, c’è ancora molta strada da fare, visto che oltretutto per la seconda volta il girone di ritorno proporrà un calendario asimmetrico e speculare rispetto a quello visto all’andata. Insomma un campionato contraddistinto da una situazione nuova e anomala, vista anche la lunga sosta per il Mondiale in Qatar.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano