11.1 C
Torino
giovedì, 23 Maggio 2024

Smat firma una partnership con Iren e Hera

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Società Acque Metropolitane Torino (Smat) firma un accordo per una partnership con Hera, gruppo che si occupa di trattare i rifiuti, e Iren, s.p.a. di vendita e distribuzione dell’energia elettrica. I benefici riguarderanno tutte e tre le utility, con un programma di progetti innovativi che si concentrerà soprattutto su ricerca applicata, sviluppo tecnologico e innovazione nei settori e nelle attività legale al servizio idrico integrato. L’obiettivo è continuare a garantire ai cittadini un servizio di qualità e sempre più attento alla sostenibilità e alla preservazione della risorsa idrica.
«Si tratta della prima esperienza in Italia di collaborazione tra aziende leader nel settore sulla ricerca applicata e l’innovazione» fanno sapere dalla Smat.
L’accordo è stato firmato oggi a Torino. A sancirlo erano presenti Salvatore Molé, direttore tecnologia e sviluppo Gruppo Hera, Francesco Profumo, presidente del gruppo Iren e Paolo Romano, amministratore delegato del gruppo Smat.
«Questo è un momento simbolico di grande importanza – commentano ancora dalla Smat – per mettere in luce da un lato l’importanza della risorsa idrica, dall’altro la notevole necessità di investimenti in infrastrutture, tecnologia e ricerca per assicurare a tutti i cittadini un servizio idrico integrato di eccellenza. Con questa partnership, le aziende scelgono di fare un ulteriore passo avanti, unendo le risorse, condividendo le infrastrutture di ricerca e il sapere acquisito per avviare progetti innovativi di interesse non solo nazionale ma anche europeo e internazionale, in un settore di primaria importanza come quello legato all’acqua. Il suo utilizzo e la sua gestione sono strettamente legate alla disponibilità stessa della risorsa che deve essere assicurata ora e nel futuro, soprattutto grazie all’innovazione e alla capacità di investimento».
L’obiettivo per le tre aziende, ora, è creare collaborazioni con altre realtà, come università, enti di ricerca e altre imprese.
 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano