20.9 C
Torino
sabato, 30 Maggio 2020

Sergio Chiamparino:"Ho fatto un buon lavoro". Sette in pagella

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società, di cui è il direttore dal 2017.

Per Sergio Chiamparino abbandonare il Partito Democratico nel momento del bisogno sarebbe equivalso al tradimento. Alla diserzione, come dice lui. «Non potevo abbandonarlo nel momento della difficoltà». Lo spiega durante il dibattito alla Festa de L’Unità.
Ma le ragioni che lo hanno portato alla (tanto) discussa ricandidatura bis per Chiamparino sono da ricercare in tre punti: «Prima di tutto credo di aver fatto un buon lavoro e per questo mi do una sufficienza piena, sette», sostiene.
«Non voglio lasciare che il buon lavoro che è stato fatto venga disperso – specifica – che qualcuno non sia in grado di usarlo come trampolino per andare avanti».
Come secondo motivo è il non volere vedere il Piemonte sacrificato in nome del governo di Roma. E viene portata ad esempio la Tav e la Torino-Lione usata come merce di scambio per la tenuta del governo: «Non possiamo diventare l’agnello sacrificale del governo – afferma Chiamparino – e sono convinto che la mia figura possa essere quella adatta per costruire un’alleanza che si apra ad altrimenti. Ma non c’è intenzione da parte mia di coalizzarmi con Forza Italia o i grillini, ma potrebbe accadere quello che avvenne con la giunta Castellani, quando ci fu una spaccatura all’interno della altre forze politiche».
Per il terzo motivo della ridiscesa in campo di Chiamparino c’è quanto sta accadendo nel nostro Paese. Il presidente della Regione sostiene che ci sono sintomi preoccupanti come «l’esaltazione alla nazione» e il bisogno di trovare il qualcuno. «Non accuso nessuno di fascismo, ma non avrei mai potuto mettermi da parte di fronte a queste difficoltà».
Perché Chiamparino, seppur mette il cappello sul posto da candidato, continua ad affermare che è disponibile a mettersi da parte se è quello che sarà il desiderio dalla coalizione.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Ripresa perchè non porta la mascherina sul bus, sassate all’autista Gtt

Un'aggressione con una vera e propria escalation di violenza quella subita da una autista di Gtt questa mattina, all'altezza di corso Lecce. 

Teatro Regio, la prima vittima “con” Coronavirus

Molto spesso abbiamo sentito in questi mesi due differenti espressioni riferite al Covid: il paziente è morto “per” il coronavirus oppure “con”...

Stretta di Appendino sulla movida: le nuove regole valide fino al 6 giugno

La sindaca Chiara Appendino prova a mettere un freno alla movida visto le folle che hanno gremito locali e piazze della città...

Piazza San Carlo: chiesta conferma condanna per banda dello spray: “Rapina causa primaria di quanto avvenuto dopo”

Il pg di Torino Elena Daloiso ha chiesto la conferma della condanna di primo grado a 10 anni per tre dei quattro...

Coronavirus, in Piemonte 56 contagi

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica...