13.3 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Protesta contro l’industria di armi blocca il traffico in corso Francia

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Traffico bloccato in corso Francia dopo che tre attivisti di Extinction Rebellion si sono seduti sulla carreggiata di fronte alla sede di Leonardo Spa, colosso italiano dell’industria militare.

I tre si sono seduti in mezzo alla strada con cartelloni che ribadivano il legame tra guerra, industria bellica e crisi climatica.

Come spiegano da Extiction Rebellion in un comunicato: “Lo scorso 10 marzo, mentre l’Italia sprofondava in una nuova “zona rossa”, le commissioni Difesa di Camera e Senato hanno chiesto di beneficiare di una parte dei 209 miliardi di euro in arrivo da Bruxelles destinati alla NEXT GENERATION EU e alla Transizione Ecologica, dopo aver ascoltato i rappresentanti di Leonardo, da cui proviene il Ministro della Transizione Ecologica, Cingolani. La richiesta di tali benefici non è poi stata accolta dal Governo nella bozza del PNRR pubblicato il 29 Aprile. Quando vediamo il tentativo di ricevere fondi destinati all’ambiente da parte di un’industria bellica, ci sentiamo disgustati e allarmati. Abbiamo bisogno di combattere per un mondo diverso”

“Considerando il solo 2020, se si fossero tagliate il 25% delle spese dei 10 paesi che investono di più nell’industria militare, si sarebbero ricavati 370,4 miliardi di dollari da investire per contrastare la crisi climatica ed ecologica”. Di fronte a questo scenario spaventoso è ora di superare la logica del conflitto che non permette agli Stati di cooperare per la costruzione di una società resiliente e pacifica. L’azione di oggi fa parte della Rebellion of One, un’ondata di azioni solitarie promossa dalla rete internazionale di Extinction Rebellion” spiegano ancora gli attivisti.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano