19 C
Torino
sabato, 19 Settembre 2020

Promuovere con stile: il ritorno del cappello da baseball

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Direttamente dagli anni ’90 torna con furore l’amatissimo cappellino con visiera. Dalle passerelle di alta moda alle strade delle maggiori città, tutti indossano il cappello tanto in voga tra i rapper e le pop star anni ’90-2000. Perché non sfruttare la popolarità di questo accessorio a fini promozionali? Lo sapevi che i primi cappellini pubblicitari risalgono agli anni ’60? Se vuoi saperne di più sulla storia del cappello più utilizzato dai giovani di tutto il mondo e scoprire come utilizzarli per promuovere la tua attività, non ti resta che continuare a leggere!

Breve storia del baseball cap

- Advertisement -

La sua origine risale alla fine del 1800. I primi cappellini con visiera erano infatti utilizzati esclusivamente dai giocatori di baseball per proteggere gli occhi dal sole ed erano realizzati in lana e pelle. L’utilizzo del logo della squadra sul cappellino è più recente: i primi ad apporre il simbolo della propria squadra sulla parte anteriore furono i Detroit Tigers nel 1901. La popolarità di questo accessorio fuori dai campi da baseball passa attraverso i suoi tifosi, che cominciarono a indossare i cappellini della squadra del cuore per dimostrare il proprio sostegno.

- Advertisement -

Agli anni ’60 risale il primo utilizzo del cappellino da baseball a fini promozionali; furono le aziende agricole a intuirne il potenziale, e a ragione: il trucker hat ebbe un enorme successo e diffusione tra gli anni ’70 e ’80 fino a diventare l’icona che tutti conosciamo grazie all’utilizzo da parte di star cinematografiche e alle riviste di moda.

Se il decennio 1990-2000 può a tutti gli effetti essere considerato il periodo d’oro del cappello da baseball, indossato da uomini e donne sulla scia di celebrità del mondo della musica, il ritorno sulle passerelle di alta moda in anni più recenti ha decretato il suo ruolo indiscusso come accessorio evergreen.

Un accessorio irrinunciabile

Realizzati nei materiali, forme e colori più diversi, stampati o ricamati, in versione minimal o extra bold, i berretti con visiera entrano a far parte di diritto nel novero degli accessori must have di chi vuole sempre essere al passo con le ultime tendenze.

Fashion addicted e influencer creano sempre nuovi look da copiare per abbinare il cappellino con outfit casual e urban style. Perfetto in versione minimale e colori scuri o neutri con un abbigliamento casual, maschile o femminile, abbinato a sneakers, pantaloni e camicia. Se preferite un cappello stampato dalle fantasie e colori più decisi, potete abbinarlo a un look semplice con jeans e t-shirt per un perfetto stile urban. I più audaci indosseranno il berretto con la visiera all’indietro: sbizzarritevi con abiti dalle linee contemporanee per un look d’avanguardia. No invece alla visiera portata di lato: in questo caso rischiate di avere un aspetto datato e fuori moda.

Cappelli promozionali: come sfruttarli al meglio

La versatilità e popolarità del cappellino da baseball ne fanno lo strumento pubblicitario perfetto per avere ampia visibilità e raggiungere un pubblico vasto. Questo tipo di gadget promozionale è infatti perfetto per aziende di tutti i tipi e per un’audience molto diversificata: adulti di 30-40 anni, cioè gli adolescenti degli anni ’90 che sono investiti in pieno dal ritorno del ben noto accessorio, giovani ventenni e ragazzi dai 14 anni in su, e ovviamente bambini di tutte le età.

Scegliete il cappello personalizzato più adatto a promuovere la vostra attività in base al vostro cliente tipo: se il vostro target è composto prevalentemente da bambini e ragazzi, puntate su colori accesi e stampe divertenti. Per un pubblico di giovani osate design originali in linea con le tendenze del momento, mentre per gli adulti optate per uno stile più sobrio ma allo stesso tempo dotato di carattere.

I cappellini con logo aziendale sono perfetti da distribuire alle fiere o durante eventi promozionali, mentre un berretto in cui il nome dell’azienda sia poco visibile può essere offerto come regalo aziendale ai clienti più fedeli. Trovi tante idee per i tuoi cappelli da baseball personalizzati su Maxilia.

Ricorda che quanto più il cappello sarà di tendenza e in linea con i gusti di stile del tuo pubblico, tanto maggiore sarà la visibilità promozionale per la tua azienda.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Covid svela il segreto di Pulcinella: precariato usato, abusato, malpagato

L'emergenza Covid sbatte in faccia, a chi faceva finta di non vedere, l'uso e l'abuso del precariato nel mondo del lavoro che...

Recovery Fund e agricoltura, Carenini (Cia Piemonte): “Fondi per rilanciare il settore”

Agricoltura, patrimonio della nostra economia. Un settore che durante il lockdown non si è è fermato, e che oggi conta di poter...

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...