3.9 C
Torino
mercoledì, 2 Dicembre 2020

Cavallerizza, preso l’uomo che ha appiccato l’incendio

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

Un litigio tra clochard: questo sarebbe il movente dell’uomo fermato a Genova e accusato di essere l’autore dell’incendio che i 21 ottobre ha distrutto parte della Cavallerizza, patrimonio architettonico Unesco occupato dal 2014.

Il senza tetto, D.O. 38 anni di origini marocchine, come detto è stato fermato nel capoluogo ligure, durante un controllo, a seguito del quale è emerso che a suo carico c’era un mandato di fermo disposto dalla Procura di Torino.

Nel corso dell’indagini erano stati ascoltati dagli investigatori alcuni occupanti. Tra questi anche D.O. il quale riferiva di essere senza fissa dimora e di vivere all’interno della Cavallerizza da un paio di mesi. L’uomo aggiungeva che era rientrato nella struttura alle 6 del mattino e che era totalmente estraneo ai fatti, visto che aveva trascorso la notte ai Murazzi.

Una versione che non aveva convinto gli investigatori, anche perché a smentire D.O. c’erano i filmati delle telecamere installate dalla polizia per le indagini sull’attività di spaccio all’interno della Cavallerizza.

Nel filmato si nota il 38enne dirigersi verso la porta della Cavallerizza versare il liquido di una bottiglia in vetro e tentare di dare fuoco con un accendino, senza però riuscirci. Passano un paio di ore e D.O. viene filmato nuovamente mentre si dirige nella zona granai e mentre accende qualcosa. Dopodiché scaturiscono le fiamme del rogo.

Come movente un litigo, come abbiamo accennato all’inizio, e quindi un atto di vendetta.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Covid, 64 decessi in Piemonte. Calano i ricoveri

Sono 64 i decessi di persone positive al test del Covid-19 registrati oggi in Piemonte. Questo il dato comunicato nel pomeriggio dall'Unita'...

‘Gli sguardi sul MOI’: noir e foto giornalismo raccontano la più grande occupazione d’Europa

Il 30 luglio del 2019 con lo sgombero dell'ultima palazzina terminava l'occupazione dell'ex MOI a Torino, quella che è stata definita la...

Federica Scanderebech passa a Forza Italia: “Torno a casa”

Una foto di lei bambina mentre partecipava ad un evento vicino a Silvio Berlusconi. Con questa voto che mostra sui social e...

Toni Algerini, ex Berloni Torino, batte il Covid: “Al Mauriziano non mollano mai”

"E' un virus subdolo e terribile, se ha messo in ginocchio persino me che sono un gigante". Ricoverato all'ospedale Mauriziano di Torino...

Folla nei negozi, più controlli e misure severe contro gli assembramenti

La folla che ieri si è riversata nel centro di Torino al primo giorno di apertura dei negozi del Piemonte in zona...