24.1 C
Torino
mercoledì, 12 Agosto 2020

“Nome in codice Caesar” al Polo del ‘900

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Riccardo Graziano
Riccardo Graziano
Figlio del boom demografico e dell'Italia del miracolo economico, vive con pessimismo non rassegnato l'attuale decadenza del Belpaese. Scopre tardivamente una vocazione latente per il giornalismo e inizia a scrivere su varie testate sia su carta stampata sia su web.

Inaugura giovedì 5 ottobre, al Polo del ‘900, la mostra “Nome in codice Caesar”, presentata per la prima volta qualche mese fa al Palazzo dell’ONU di New York. Trenta fotografie dai contenuti scioccanti, selezionate fra le oltre 50 mila scattate e successivamente trafugate da un ex ufficiale della polizia militare siriana identificato con lo pseudonimo di “Caesar”, incaricato dal regime siriano di documentare quanto accadeva ai detenuti nelle carceri governative.

La mostra è ospitata dalla Fondazione Vera Nocentini nei locali del Polo de ‘900 e gode del contributo e patrocinio del Consiglio Regionale del Piemonte, del contributo della Fondazione CRT, del patrocinio della Città di Torino, ed è stata voluta e promossa in Italia da FNSI – Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Amnesty International Italia, FOCSIV – Volontari nel Mondo, Un Ponte Per, Unimed – Unione delle Università del Mediterraneo ed Articolo21, mentre aderiscono all’iniziativa Acmos, Associazione Stampa Subalpina, Centro Studi Sereno Regis, Gruppo Abele, Sermig.

- Advertisement -

Prima di arrivare a Torino, la mostra è stata presentata in varie sedi nazionali e internazionali, e sarà visibile in città dal 5 al 17 ottobre, con orario dalle 10 alle 20, dal lunedì alla domenica. Accanto alla mostra sono previsti numerosi eventi focalizzati sull’analisi della guerra in Siria. In particolare, il giorno dell’inaugurazione ci sarà Workshop (per insegnanti e solo su prenotazione) a cura di Andreja Restek, fotoreporter autrice di numerosi reportage e pubblicazioni sulla Siria, fondatrice e direttrice del sito APR News e della Onlus “L’ambulanza dal cuore forte”, da lei fondata proprio per portare soccorso nelle zone colpite dal conflitto.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...