3.8 C
Torino
mercoledì, 25 Novembre 2020

M5s, arrestato De Vito per tangenti sul nuovo stadio della Roma

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

Il presidente del Movimento Cinque Stelle dell’assemblea capitolina, Marcello De Vito, è stato arrestato a Roma con l’accusa di corruzione.

Secondo la richiesta di misure cautelari in carcere e secondo i pubblici ministeri Barbara Zuin e Luigia Spinelli l’esponente grillino avrebbe incassato denaro dal costruttore Luca Parnasi, in cambio, avrebbe promesso, all’interno dell’amministrazione della sindaca Virginia Raggi, di favorire il progetto dello stadio nuovo dells Roma.

La misura cautelare emesse riguarda in tutto quattro persone di cui per due, compreso De Vito, è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per gli altri i domiciliari. Una misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale riguarda invece due imprenditori.

L’inchiesta, come detto, riguarda le condotte corruttive e il traffico di influenze illecite nell’iter per la realizzazione del nuovo stadio capitolino, la costruzione di un albergo presso la ex stazione ferroviaria di Roma Trastevere e la riqualificazione dell’area degli ex Mercati generali di Roma Ostiense.

Secondo l’accusa una serie di operazioni corruttive sarebbero state realizzate dagli imprenditori attraverso l’intermediazione di un avvocato e un uomo d’affari, che avrebbero interagito con De Vito. L’obiettivo sarebbe stato quello di ottenere provvedimenti favorevoli alla realizzazione progetti immobiliari.

Leggi: Di Maio caccia De Vito dal Movimento 5 Stelle

Tra gli indagati, a piede libero, per traffico di influenze illecite anche Claudio Toti, patron della squadra di basket Virtus Roma e Pierluigi Toti.

Per la procura De Vito, sfruttando i suoi contatti in Campidoglio, si era fatto promettere dai due imprenditori 110mila euro in cambio del suo interessamento con il pubblico ufficiale incaricato di approvare il progetto di riqualificazione degli ex mercati generali di Ostiense.

De Vito e l’avvocato Camillo Mezzacapo (anche lui finito in carcere) avrebbero percepito dalla società “Silvano Toti Holding spa” 48mila euro.

Ai domiciliari sono finiti l’architetto Fortunato Pititto e Gianluca Bardelli.

Indagati a piede libero anche l’avvocato Virginia Vecchiarelli, Sara Scarpari amministratore della società Mdl srl (riconducibile a De Vito e Mezzacapo) e l’immobiliarista Giuseppe Statuto a capo dell’omonimo gruppo imprenditoriale.

Gli undici indagati sono accusati a vario titolo di corruzione, traffico di influenze illecite, evasioni di imposte e false fatturazioni.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Cirio: “Dal 4 dicembre negozi aperti per lo shopping natalizio”

Aspetta solo il semaforo arancione per riaprire le attività commerciali Alberto Cirio che vede il suo Piemonte sempre più fuori dalla zona...

Piemonte guida la battaglia contro i colossi dell’e-commerce

Una proposta di legge per aumentare le aliquote della web tax per i colossi dell'e-commerce: 15 per cento abitualmente e fino al...

Blitz anarchico contro le sedi di Stampa e Repubblica

Petardi, fumogeni e lanci di uova contro la palazzina di via Lugaro che ospita le redazioni di La Stampa e quella torinese...

Puntare al cuore. La Circoscrizione 1, Centro-Crocetta

La Circoscrizione 1 Centro Crocetta è conosciuta come quella più elegante e più ricca: ma se si toglie la carta velina della...

Ztl, sospensione prorogata fino al 5 dicembre a Torino

Nuova proroga per il provvedimento di sospensione della ZTL Centrale fino a sabato 5 dicembre 2020 (compreso).La decisione segue l'adozione da parte della...