7.3 C
Torino
martedì, 13 Aprile 2021

Lavorare per un’economia sostenibile è un obiettivo possibile

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Il mondo, e con esso anche l’economia, sta vivendo un periodo di enorme cambiamento. Accanto a questo, come sempre accade, è giusto che si facciano importanti riflessioni sulle conseguenze che questi mutamenti sono in grado di portare. Come ogni processo evolutivo, gli enormi miglioramenti che vengono portati alla società sono affiancati da alcuni lati negativi su cui noi, come genere umano, abbiamo il dovere di riflettere per trovare le giuste soluzioni e farci carico delle dovute contromisure.

La sostenibilità è un dovere

Negli ultimi anni si è molto di frequente parlato, o sentito parlare, di sostenibilità o di ecosostenibilità: questo concetto è stato portato alla ribalta in diverse occasioni, anche grazie a importanti conferenze mondiali o a personaggi che con il proprio carisma sono stati in grado di accendere un faro sulla questione, cercando di aumentare il livello di coscienza sociale su determinati argomenti di enorme interesse per la collettività, per il nostro presente ma soprattutto per il nostro futuro. Questi concetti non riguardano, come si potrebbe superficialmente pensare, esclusivamente concetti legati all’ecologia in senso stretto, ma sono interconnessi con tutti i processi produttivi e di conseguenza economici che appartengono alla nostra società. La trasformazione dell’economia sostenibile è divenuta quindi una necessità, quasi una urgenza alla quale dobbiamo far fronte, adeguando nel minor tempo possibile i nostri cicli economici e produttivi.

Cos’è l’economia sostenibile o circolare

L’economia sostenibile, o economia circolare, si fonda su sistema economico che sia pensato affinché abbia la capacità di potersi rigenerare da solo, garantendo in questo modo anche la sua ecosostenibilità. Sulla base della definizione data dalla Ellen MacArthur Foundation, in un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, i quali possono essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera.

Gli obiettivi di una economia sostenibile

L’economia circolare e sostenibile, dunque, è una economia che tende all’autosufficienza, che elimina o quanto meno limita al massimo gli sprechi, puntando forte sulla necessità di riciclare tutto ciò che è riciclabile, promuovendo i concetti di riutilizzo, di ottimizzazione delle risorse e delle produzioni, di una scelta più consapevole dei materiali, del porsi l’obiettivo di realizzare prodotti duraturi o comunque con una maggior vita media, superando l’attuale tendenza alla produzione di prodotti mordi e fuggi, destinati ad una rapida o rapidissima obsolescenza che li porterà inevitabilmente ad una sostituzione estremamente frequente, come avviene per l’obsolescenza programmata di tutti i nuovi dispositivi tecnologici. Con una maggior conoscenza e una più attenta coscienza, tutti possiamo contribuire al bene del nostro sistema economico e produttivo e, contemporaneamente, a quello del nostro pianeta.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano