15.1 C
Torino
martedì, 28 Giugno 2022

L’85% dei commercianti afferma che i pagamenti in criptovaluta saranno una tendenza nei prossimi 5 anni

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Secondo un recente sondaggio, circa il 74% dei commercianti statunitensi prevede di integrare i pagamenti in criptovaluta nei prossimi due anni. Inoltre, l’85% dei commercianti prevede che tali schemi di pagamento saranno “onnipresenti” nei loro settori ricettivi nei prossimi cinque anni.

Pubblicato l’8 giugno, il sondaggio è stato condotto dalla società di consulenza Deloitte insieme all’azienda di pagamenti PayPal, tra il 3 e il 16 dicembre. Il sondaggio ha coinvolto un totale di 2.000 dirigenti di diversi settori dell’industria commerciale. Tra questi, i settori dell’elettronica, della cosmetica, della moda, dei beni digitali, della casa e del giardino, della ristorazione. Altri provenivano dai settori dei trasporti, dell’ospitalità e del tempo libero, dei beni personali e per la casa, ecc.

Popolarità e aspettative dei pagamenti in criptovaluta

Secondo l’indagine, oltre il 50% dei grandi rivenditori (oltre 500 milioni di dollari di fatturato) sta spendendo più di 1 milione di dollari per creare infrastrutture di pagamento di questo tipo. Anche le piccole e medie imprese (10 milioni di dollari – 100 milioni di dollari di fatturato) stanno partecipando a sviluppi simili. Tra queste, il 73% prevede di destinare 100.000-1 milione di dollari allo sviluppo di schemi di pagamento in criptovaluta. Un sondaggio separato ha mostrato un livello simile di entusiasmo per le criptovalute.

Nel frattempo, il 60% dei commercianti intende utilizzare un budget di 500.000 dollari per sviluppare politiche di pagamento in valuta digitale entro l’anno. Per molti commercianti (64%), le politiche di pagamento in criptovaluta sono molto richieste dai loro clienti. Circa l’83% di questi commercianti prevede che questo interesse aumenterà solo con il passare dell’anno.

Ricordiamo che non esisterà solo una criptovaluta di riferimento. Anche se il BTC dovrebbero farla da padrone. Ma attenzione a nuovi progetti emergenti come Tesla Coin. Se non sapete di che cosa si tratta, vi consigliamo di dare un’occhiata al sito ufficiale.

Per quanto riguarda i vantaggi di tali politiche, circa il 50% degli esercenti afferma che miglioreranno l’esperienza dei clienti. Circa lo stesso numero prevede che moltiplicherà la loro base di clienti. Il 40% spera che faccia apparire il proprio marchio come “all’avanguardia”.

La crescita del numero di clienti è già stata segnalata come risultato dal 93% degli esercenti che hanno già opzioni di pagamento in criptovaluta funzionanti. CNF ha riferito che Gucci e Uber sono tra le aziende leader in termini di adozione delle criptovalute.

Gli svantaggi dell’adozione

Ma anche in questo caso, secondo l’indagine, alcune sfide ostacolano l’adozione della criptovaluta da parte delle aziende. Secondo i commercianti, la più grande di tutte (45%) è la complessità del sistema, ovvero l’integrazione delle criptovalute. Il problema diventa ancora più difficile quando sono coinvolte più valute digitali.

Altri ostacoli sono stati le vulnerabilità della sicurezza, l’evoluzione normativa, la volatilità e la carenza di budget, rispettivamente al 43, 37, 36 e 30 percento.

Per ovviare a questi problemi, secondo Deloitte sarà necessaria una “formazione continua” da parte delle autorità di regolamentazione. In questo modo si promuoverà un’ampia adozione dei vari prodotti e servizi.

In un’intervista rilasciata l’anno scorso a Yahoo Finance, il rappresentante Jim Himes ha dichiarato: “La maggior parte dei miei colleghi non ha una conoscenza approfondita delle criptovalute”. Nello stesso anno, la senatrice del Wyoming Cynthia Lummis ha espresso preoccupazioni simili. Tuttavia, ha affermato che si stanno compiendo alcuni sforzi per educare i legislatori sulle criptovalute per una regolamentazione efficace ed equa del settore.

E voi cosa ne pensate della regolamentazione del settore. Potrebbe affossarlo o dargli una spinta definitiva verso l’adozione di massa? Non vediamo l’ora di conoscere le vostre opinioni in merito!

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano