16.1 C
Torino
martedì, 28 Giugno 2022

Cirio tra gli eletti al comune di Cravanzana, ma rinuncia. E sul bis in Regione scelta dopo le politiche

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

E’ stato il candidato più votato per il Consiglio comunale di Cravanzana, nel cuneese, Alberto Cirio. Ma il governatore della Regione Piemonte spiega che non è sua intenzione assumersi anche quell’incarico: “Il Comune era stato commissariato e c’era bisogno di unire. Mi sono prestato per spirito di servizio”, ma lascerà il posto a chi viene dopo di lui.
“Cravanzana – ha spiegato Cirio – è un Comune con poco più di 300 persone: abbiamo vinto con oltre il 90% dei voti di lista e sono stato il consigliere più votato. Ho fatto questo gesto perché è la mia terra, la mia Alta Langa, la terra di mio padre, di mia madre, dei nonni. Ed è anche un modo di rimanere legato al territorio”.
“Ho un’agenda molto piena – ha aggiunto – quindi avevo già preannunciato che avrei lasciato l’incarico una volta che si fosse insediata la nuova amministrazione. Ora si tratta solo di mantenere l’impegno di provare a fare il meglio, come io sto facendo alla guida del Piemonte”.

E a chi gli chiede anche delle campagna elettorale per la Regione Cirio rimanda al prossimo anno: “Io sto governando cercando di fare il meglio del mio lavoro, sono concentrato su quello che faccio e una valutazione complessiva si potrà fare solo fra un anno, anche all’indomani delle elezioni politiche. Andiamo avanti per gradi e gradualmente cerchiamo di risolvere i tanti problemi che ci sono”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano