10.8 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Il Bitcoin può aiutare i Paesi in via di sviluppo a sconfiggere l’inflazione?

Più letti

Nuova Società - sponsor

Quando Satoshi Nakamoto scrisse il libro bianco sul Bitcoin, il suo scopo principale era quello di sconfiggere l’inflazione e di ridurre i costi delle transazioni che derivano dalle forme di moneta tradizionali. L’introduzione del Bitcoin avvenne dopo che il mondo era andato in pausa, con l’intento di salvare le persone dall’inflazione. Nel corso del tempo il valore di un Bitcoin è passato da meno di un dollaro a 61.000 dollari, raggiungendo il valore massimo nel novembre 2021, mentre il valore attuale è di 20.000 dollari. Gli investitori esperti avevano previsto che il Bitcoin avrebbe raggiunto i 100.000 dollari entro la fine del 2022. Tuttavia, ciò non è avvenuto, poiché il settore delle criptovalute ha dovuto affrontare una certa volatilità nel corso del tempo. Sai che il mercato è volatile e le piattaforme di trading online avanzate possono tornare utili qui. Vai al sito e inizia oggi stesso!

Sebbene le criptovalute come il Bitcoin siano volatili, sono comunque un buon investimento e presentano diversi vantaggi. A differenza delle valute tradizionali, il Bitcoin non è regolamentato o governato da enti governativi ed è disponibile in numero limitato. Quando Satoshi ha creato Bitcoin, ha creato un numero limitato di Bitcoin, 21 milioni. Quando i minatori producono tutti i 21 milioni di Bitcoin, non ce ne possono essere altri; questo è l’unico numero che può essere in circolazione. Con le valute tradizionali, è possibile stamparne sempre di più nel corso del tempo, rendendo il Bitcoin la soluzione all’inflazione.

Inflazione e povertà nei paesi in via di sviluppo

L’inflazione è un problema importante nei Paesi in via di sviluppo. La maggior parte dei poveri vive nei Paesi in via di sviluppo. Il motivo per cui la povertà è dilagante nei Paesi in via di sviluppo è che la maggior parte delle persone spende tutto il proprio denaro per le cose essenziali, come il cibo e l’assistenza sanitaria, che diventano sempre più costose quando l’inflazione colpisce. Finiscono per spendere di più per le cose e addirittura per tagliare le spese.

La continua stampa di denaro in questi Paesi in via di sviluppo rende l’inflazione un problema significativo. Ora che gli enti governativi non regolano il Bitcoin, è possibile utilizzare il Bitcoin per effettuare pagamenti senza preoccuparsi dell’inflazione. Le persone usano il Bitcoin per inviare fondi all’estero senza subire l’inflazione delle valute locali.

Il Bitcoin ha influenzato lo sviluppo economico di molti Paesi del terzo mondo. Essi utilizzano il Bitcoin per le transazioni online nonostante gli alti livelli di inflazione. Le persone possono collegarsi facilmente a Internet ovunque e partecipare comodamente alla criptoeconomia. Paesi in via di sviluppo come l’India e paesi africani come il Kenya hanno alti tassi di utilizzo del Bitcoin. Non è possibile produrre più Bitcoin del numero previsto dal protocollo. A differenza delle valute locali stampate di volta in volta, il ciclo di Bitcoin rimarrà solo a 21 milioni e il valore di ogni moneta potrebbe aumentare in futuro.

Come il Bitcoin aiuta i non bancarizzati

La maggior parte delle persone non bancarizzate è costituita da persone a basso reddito provenienti da società a basso reddito e da Paesi del terzo mondo. Queste persone non hanno un conto corrente bancario a causa degli alti costi di transazione delle banche. Alcune banche hanno fissato un importo standard da lasciare sul conto dopo i prelievi, che potrebbe essere più fattibile e possibile per i lavoratori a basso reddito. Con queste regole, queste persone rinunceranno alle banche perché non ne hanno abbastanza.

Il Bitcoin, invece, non è discriminante o selettivo nei confronti di chi lo può utilizzare. Creare un portafoglio Bitcoin è semplice e chiunque può farlo ovunque attraverso il proprio telefono. Non è necessaria l’autorizzazione di nessuno per avere il portafoglio. I costi di transazione per i Bitcoin sono relativamente bassi e non c’è un importo minimo da lasciare nel proprio portafoglio. Inoltre, è possibile vendere tutti i propri Bitcoin in qualsiasi momento.

In questo modo, è più facile per i non bancari acquisire un portafoglio Bitcoin, effettuare transazioni in qualsiasi momento e persino ricevere criptovalute dall’estero.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano