18.6 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

I vini della Borgogna: un tesoro da scoprire grazie alle enoteche online

Più letti

Nuova Società - sponsor

Considerati tra i più pregiati vini francesi assieme a quelli della regione del Bordeaux, i vini di Borgogna vengono prodotti in particolare a partire dai vitigni Pinot Nero e Chardonnay, hanno una tradizione lunga secoli e gli ultimi anni hanno fatto segnare un vero e proprio boom del loro valore, che ha proiettato le cantine della Borgogna in vetta alla classifica dei marchi di vino più importanti a livello mondiale. Oggi è possibile acquistare questi preziosi vini direttamente dal divano di casa grazie all’ampia offerta garantita dalle enoteche online.

Un territorio vocato alla coltivazione della vigna

La Borgogna è una delle aree vitivinicole più importanti di tutto il mondo. La regione si trova nella Francia centro-orientale, non lontana dalla città di Digione, lungo la sponda occidentale del fiume Saona, affluente del Rodano. Ha il proprio fulcro nella cittadina di Beaune, la più ricca di Francia per reddito pro capite, ed è delimitata 100 km più a nord dal villaggio di Chablis, da cui prendono il nome gli eleganti vini bianchi a base di uve Chardonnay. La Borgogna è inoltre famosa per essere il luogo situato più a nord del mondo in cui si producono vini rossi.
La vocazione dei vigneti della Borgogna per la produzione di vini di altissima qualità risale già al medioevo, quando i monaci benedettini si dedicavano a quest’arte, che oggi si è trasformata in un settore capace di produrre 1,4 milioni di ettolitri di vino ogni anno con esportazioni il cui volume di affari ha raggiunto il picco nel 2018 con 650 milioni di euro, mentre l’Italia importa ogni anno vini Borgogna per oltre 5,3 milioni di euro. Dal medioevo proviene anche la tradizione di delimitare le vigne con i “clos” o muretti a secco di pietra che definiscono chiaramente il paesaggio della regione, con il clos di Vougeot considerato come uno dei più iconici.
La Borgogna si caratterizza per un gran numero di produttori di piccole dimensioni, con appezzamenti che spesso non superano i cinque ettari, ma che sono in grado di regalare vini blasonatissimi. La classifica dei principali marchi di vino per valore globale stilata da Liv-Ex per il 2019 vede ai primi tre posti a livello mondiale proprio tre produttori della Borgogna: il Domaine Armand Rousseau, DRC o Domaine de la Romanée-Conti che produce tra l’altro il vino più costoso al mondo, e la cantina Leroy.
La qualità dei vini di Borgogna è testimoniata dalle oltre 100 denominazioni di origine controllata, dalla AOC regionale ai Grand Cru, che ne fanno la regione vinicola di Francia con il più alto numero di questi riconoscimenti. Un risultato notevole anche considerando che i 28.334 ettari vitati rappresentano solo il 3% di tutto il territorio vinicolo francese. 

La Borgogna è dunque celebrata soprattutto per i suoi eleganti vini rossi prodotti a partire dal delicato vitigno Pinot Nero, che qui riesce ad esprimersi al meglio, e per i pregiatissimi vini bianchi elaborati con le uve del vitigno Chardonnay. Il lavoro in vigna è particolarmente arduo e le condizioni climatiche della regione in certe annate possono mettere a rischio la produzione. 
Tra le aree vitivinicole della Borgogna, la più importante e famosa è la Côte d’Or, che a sua volta contiene al proprio interno la Côte de Nuits dove vengono prodotti quasi esclusivamente vini Pinot Noir, e la Côte de Beaune, da cui provengono sia vini bianchi che rossi. Qui i vigneti, che crescono ad un’altitudine compresa tra i 200 ed i 500 m.s.l.m., godono di un’eccellente esposizione al sole e sono protetti dall’aria fredda proveniente dalla Alpi.

I vini Borgogna sono classificati in base al terroir di provenienza, che a sua volta è legato al comune o “village”, e vengono dunque suddivisi in quattro categorie: 

  • La denominazione base è l’Appelation Regionale Bourgogne Rouge per vini rossi e Bourgogne Blanc per i vini bianchi;
  • Un gradino sopra troviamo la denominazione Village che identifica vini prodotti in un determinato comune ed è ristretta ad un piccolo gruppo di villaggi;
  • Premier Cru è una delle denominazioni più importanti, a questa categoria appartengono 562 vigneti per circa il 15 % della produzione della regione. Due comuni simbolo che producono vini Borgogna Premier Cru sono Vosne-Romanée e Chambolle-Musigny.
  • I Grand Cru di Borgogna, ovvero la qualità più elevata, rappresentano solo il 2% della produzione regionale e corrispondono a 33 vigneti. Alcuni esempi di vini appartenenti a questa categoria sono Bonnes Mares, Clos Vougeot, La Tâche, Le Montrachet e Richebourg.

Considerando che i vini di Borgogna sono particolarmente pregiati e costosi, non sempre è facile trovarli nell’enoteca sotto casa o nelle grandi catene di supermercati. Si è però sviluppato un interessante mercato di portali per l’acquisto di vino online nutrito da enoteche specializzate come Svino.it che permettono di andare alla scoperta di questi gioielli e di farseli spedire direttamente a casa.
Vini speciali meritano attenzioni speciali ed è per questo che Svino conserva tutte le bottiglie della propria collezione in posizione orizzontale, a temperatura e umidità controllate (14°C – 70%), facendo particolare attenzione al controllo della temperatura anche per la delicata fase di spedizione del prodotto.
L’offerta di vini della Borgogna proposta da Svino spazia dalle cantine più famose a quelle meno conosciute che però regalano sempre vini di altissima qualità e personalità, rappresentativi della denominazione di origine ed in grado di stupire anche gli appassionati più esigenti, con in più alcuni preziosi suggerimenti riguardo al modo migliore di abbinare queste preziose bottiglie con il cibo, per un’esperienza enogastronomica di altissimo livello.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano