7.3 C
Torino
martedì, 13 Aprile 2021

I favorevoli all’alleanza Pd-M5s lanciano un appello: “Superare contrapposizioni per interesse comunità”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’alleanza Pd-M5s per le prossime elezioni amministrative non è solo un desiderio della sindaca Chiara Appendino. Infatti un appello per una convergenza tra Dem e M5s è stato lanciato in un documento consegnato oggi ai rappresentati del centrosinistra in consiglio comunale, metropolitano e in Parlamento e alla stessa sindaca Chiara Appendino. Tra i firmatari l’ex parlamentare Gian Giacomo Migone, dall’economista Pietro Terna e dall’ex assessore comunale e attuale presidente di Afc, Roberto Tricarico.

Nell’appello si invita a “una forte convergenza sui progetti prioritari finanziabili sui fondi europei”. “Con lo spostamento della scadenza elettorale – si legge – si è davanti a un semestre in cui i partiti si dovranno attrezzare per una campagna elettorale dagli esiti incerti. In questo periodo Torino rischia di perdere tempo, mentre altre città stanno lavorando alacremente per accedere ai fondi europei” si legge nel documento che suggerisce di dedicare particolare attenzione al Recovery Plan e ai fondi europei: “su questi aspetti i cittadini valuteranno quanto i partiti del centrosinistra avranno saputo cooperare superando le barriere e le contrapposizioni che si sono create in questi anni in particolare tra il Pd e i 5 Stelle”. 

Poi un appello particolare alla sindaca: “Appendino, che ha dichiarato la volontà di favorire la formazione di una coalizione alternativa al centrodestra, deve prendersi la grande responsabilità di condurre questa impresa senza tentennare e con grande capacità di mediare, superando gli ostacoli che si sono frapposti in questi anni”.

E infine un monito anche al Pd: “Al Partito Democratico la responsabilità di superare la voglia di rivincita sui 5 Stelle, favorendo una composizione virtuosa degli interessi della comunità torinese e della città metropolitana”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano