13.2 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Grimaldi rifiuta il dibattito con CasaPound: “Non parlo con i neofascisti”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nessun confronto elettorale con l’estrema destra di CasaPound. Ad annunciarlo è il candidato per prossime politiche alla Camera per il collegio Torino 1 di Liberi e Uguali, Marco Grimaldi, che ha fatto sapere che non parteciperà all’incontro previsto per venerdì 16 alle 21 al Lombroso 16 sul tema della cultura in quanto tra gli invitati al confronto vi è anche Federico Depetris, candidato appunto di CasaPound.
«Tempo fa ho ricevuto l’invito a partecipare al dibattito “Votàti alla cultura”, organizzato dal gruppo cittadino per “I musei a Torino e in Piemonte: le mostre, i progetti e le idee” presso il Polo Culturale Lombroso 16. Naturalmente ho aderito, trattandosi di un confronto elettorale dedicato interamente alla cultura locale e nazionale», spiega Grimaldi e aggiunge che «come ho annunciato all’inizio della campagna elettorale e ribadito ieri agli organizzatori, non siamo disposti a confrontarci con forze che non si riconoscono nella nostra Costituzione antifascista».
Nessuna paura del confronto, però, precisa l’esponente di LeU: «Il dialogo e la dialettica sono il sale della democrazia, ma l’apologia di fascismo rimane un reato». «Da sempre lottiamo a fianco dei lavoratori e delle lavoratrici della cultura e ci dispiacerebbe davvero rinunciare a quest’occasione di dibattito. Spero che gli organizzatori, cui riconosciamo la volontà di arricchire il dibattito su un tema importante come la cultura, trovino il modo di garantire lo svolgimento del confronto e di conseguenza anche la mia partecipazione», conclude Grimaldi.
Chissà quale sarà la risposta degli organizzatori dell’incontro che sarà moderato da Max Ponte, uno dei lavoratori della Fondazione Torino Musei a rischio licenziamento.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano