11 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Fca vende ma a Grugliasco torna la cassa integrazione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nonostante la Fca continui a registrare risultati migliori del mercato automobilistico e a febbraio abbia venduto in Italia 53.690 auto, il 6,93% in più dello stesso mese del 2016, torna la Cassa integrazione alla Maserati di Grugliasco. Le fermate di produzione riguarderanno tutti i 1749 addetti per un totale di dodici giorni dal 27 marzo al 24 aprile.

Le giornate di cassa saranno il 27, 28 e 29 marzo e il 6, 7, 10, 11, 18, 19, 20, 21 e 24 aprile. Questo annuncio, fa seguito ai periodi di cassa integrazione già utilizzati dal 19 al 30 dicembre 2016, dal 6 al 10 febbraio e dal 27 febbraio al 10 marzo.

«Purtroppo – spiega il segretario torinese della Fiom Federico Bellono – prosegue da dicembre il ricorso alla cassa integrazione alla Maserati di Grugliasco, al ritmo ormai di una o due settimane al mese. In attesa dell’eventuale refresh di Ghibli e Quattroporte, continua il calo produttivo che dal 2014 ha portato i volumi di questi modelli da 36 a 23 mila vetture». «È evidente – continua Bellono – considerando anche i contratti di solidarietà della Carrozzeria di Mirafiori, nonostante le performance del Levante, che solo un nuovo investimento può dare garanzie al futuro del polo Mirafiori-Grugliasco, accelerando i tempi rispetto a quanto dichiarato anche di recente dall’amministratore delegato di Fca».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano