20.4 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Venaria fuori dal Consorzio Turismo Torino, Pd e Osvaldo Napoli: “Appendino ci dia spiegazioni”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

di Giulia Zanotti

Il comune di Venaria abbandona il Consorzio Turismo Torino. Una notizia che arriva proprio all’indomani della assemblea del 28 febbraio in cui si confermava l’attività del Consorzio.
Un fatto che non passato sotto silenzio che ha preoccupato le minoranze in Sala Rossa. Dal gruppo Pd in comune di Torino sottolineano come la rinnovata fiducia verso il Consorzio rappresenta «nell’ottica della continuità, una presa d’atto del buon lavoro fin qui svolto».
«Consideriamo tuttavia incomprensibile la scelta, assunta e formalizzata ieri dal Comune di Venaria, di uscire – proseguono in una nota a firma dei consiglieri Enzo Lavolta, Chiara Foglietta e Mimmo Carretta – Non comprendiamo infatti quali gravi motivazioni possano aver indotto il territorio che maggiormente ha beneficiato dell’operato e della professionalità dell’Agenzia ad uscire disimpegnandosi da Turismo Torino».
Per questo sulla vicenda chiedono alla sindaca Chiara Appendino «di spiegare le ragioni di una scelta a nostro avviso immotivata e dannosa per il sistema turistico cittadino e dell’Area Metropolitana torinese». «Visto che è anche sindaca della Città Metropolitana e dello stesso partito che ha la maggioranza a Venaria che ci dica quale strategia c’è, se è una questione amministrativa o politica» concludono.
Della stessa opinione anche il capogruppo di Forza Italia Osvaldo Napoli: «Il turismo e la cultura rappresentano una risposta irrinunciabile alle esigenze di rilancio della nostra città e del territorio metropolitano. Il fatto che il Comune di Venaria decida di abbandonare il consorzio turismo TORINO, è gravissimo e inaccettabile. Nelle politiche di promozione del territorio la regia spetta alla sindaca di Torino, che è anche prima cittadina della Città metropolitana: che cosa pensa di fare Chiara Appendino? Deciderà di “richiamare all’ordine” il sindaco di Venaria, Falcone,? E’ necessario che il capoluogo faccia sentire il suo peso e la sua autorevolezza, se non si vuole rischiare di sgretolare le strategie di promozione turistica che stanno dando buoni risultati».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano