9.6 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Coronavirus, la liquirizia può ostacolare l’infezione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un recente studio condotto dall’Università di Napoli ha confermato che la glicirizzina, il principale costituente della liquirizia, ha la capacità di ostacolare l’ingresso all’interno delle cellule umane del Covid-19. Al momento non esiste ancora un vaccino contro il Coronavirus, quindi la scienza sta prendendo in esame qualsiasi molecola possa avevre un potenziale farmacologico contro il Sars-Cov-2. La glicirizzina è una di queste.

Desiderio Passali, past president Italian Society of Rhinology. “Noi – ricorda l’otorinolaringoiatra – la usavamo per le forme ricorrenti di rinosinusite nasale. Lo studio ha mostrato che questa sostanza è in grado, in vitro, di legarsi sia al recettore Ace delle cellule umane che alla proteina Spike del virus, rispettivamente la serratura e la chiave di accesso del virus all’interno delle cellule dell’organismo umano. La glicirizzina, insomma – spiega Passali – sarebbe in grado di ostacolare l’interazione di queste due componenti tra loro, e come risultato provocherebbe l’oggettiva difficoltà da parte del virus di entrare nella cellula umana e di replicarsi”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano