14.1 C
Torino
lunedì, 1 Giugno 2020

Contro lo stress e a favore dell’apprendimento: il volto nascosto dei videogames

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...

I videogiochi aumentano il problem solving e sviluppano capacità motorie e psichiche. Ecco come

C’è poco da essere nostalgici, lamentarsi del tempo che passa, delle generazioni di una volta e dei passatempi di ieri. Il presente parla un’altra lingua. È fatto di velocità, di connessioni, di skills. E dice che tutto questo fa bene alla mente, al cervello, alle sinapsi. Anche giocare ai videogames.

- Advertisement -

Lo ha dimostrato un esperimento della East Carolina University che ha sottoposto una serie di soggetti al puzzle game Bejeweled Blitz. I risultati sono stati clamorosamente positivi e dopo appena trenta minuti si è riscontrata la diminuzione degli stati di ansia e di depressione nel campione dei giocatori, con dati ancora più incoraggianti dopo un mese di somministrazione. I videogame, insomma, possono aiutare a ridurre ansia e depressione ma anche migliorare la nostra capacità di relazione interpersonale. Lo dimostrano quelle piattaforme che si basano proprio sull’interazione online. È il caso dei MMORPOG come World of Warcraft o Call of Duty, sparatutto in cui la componente di tattica rende fondamentale la capacità di lavorare e dialogare in squadra.

- Advertisement -

Pregio dei videogiochi, soprattutto quelli che si servono di consolle e dispositivi hardware distaccati e periferici, è anche quello di migliorare la coordinazione e aumentare, nel giocatore, l’acquisizione di cognizioni visuali e motorie, velocizzare i movimenti, stimolare la ricettività, i riflessi e la rapidità degli arti. Il segreto è prendere il tutto con le giuste dosi: giocare troppo a lungo finisce infatti per avere gli effetti precisamente opposti. Con il giusto grado di coinvolgimento, invece, possono arrivare veri e propri miglioramenti. Studi recenti sulla relazione gioco-salute hanno dimostrato infatti che attraverso i videogame si ottiene un miglioramento della propria capacità di apprendimento. Un procedimento legato alla richiesta di sviluppare soluzione alternative a un problema, stimolando così il problem solving, la concentrazione, il multitasking.

Infografica realizzata da Gioco Digitale

Il concetto era stato ben spiegato da Henry Jenkins, psicologo che nel suo Partecipatory Culture, aveva definito in questi termini il ruolo del videogioco: “Come psicologi e antropologi hanno evidenziato da tempo, riveste un ruolo centrale nel formare le relazioni che i bambini hanno con i corpi, gli strumenti e le tecnologie, le comunità, l’ambiente che li circonda e la conoscenza”. Non è di certo un caso, allora, se anche la scuola si sta aprendo sempre di più verso il mondo dei giochi digitali.

Quiz grammaticali, piattaforma di logica e di matematica, trame storiche, avventure geografiche, gli spunti che i videogame offrono all’apprendimento sono in continua espansione. E possono essere un valido supporto anche come strumenti dispensativi e compensativi, nell’ambito dei disturbi specifici dell’apprendimento.

Insomma, le mamme del 2050 non chiederanno più: “Cosa fai davanti alla Play Station?”. Di questo ne siamo certi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

La Festa della Tommaseo su Youtube il 7 giugno: “Servono 30 mila euro per attività e laboratori”. Adotta la scuola

La tradizionale festa dell'Istituto comprensivo Niccolò Tommaseo si svolgerà anche quest'anno, seppur in maniera differente dalle altre edizioni, come spiegano dalla scuola...

2 Giugno Festa della Repubblica in Piemonte

In occasione del 2 giugno, Festa della Repubblica, Giunta e Consiglio regionale, Prefettura, Comune di Torino, Città metropolitana, Ufficio scolastico regionale e i...

Ripresa perchè non porta la mascherina sul bus, sassate all’autista Gtt

Un'aggressione con una vera e propria escalation di violenza quella subita da una autista di Gtt questa mattina, all'altezza di corso Lecce. 

Teatro Regio, la prima vittima “con” Coronavirus

Molto spesso abbiamo sentito in questi mesi due differenti espressioni riferite al Covid: il paziente è morto “per” il coronavirus oppure “con”...

Stretta di Appendino sulla movida: le nuove regole valide fino al 6 giugno

La sindaca Chiara Appendino prova a mettere un freno alla movida visto le folle che hanno gremito locali e piazze della città...