14.7 C
Torino
domenica, 23 Giugno 2024

5 curiosità sul blackjack online che raccontano la sua storia ludica tra miti e leggende

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Tra i giochi di carte più scaricati dei casinò online c’è il blackjack, conosciuto in tutto il mondo proprio perché possiede diverse influenze culturali, spagnola e francese per quanto riguarda la sua genesi, italiana e americana per quanto inerente allo sviluppo e alla sua divulgazione durante i secoli in tutto il mondo.

Oggi, il blackjack digitale è presente sulle app di casino virtuali scaricabili con i nuovi smartphone, gli utenti possono scegliere fra tantissime versioni del gioco che richiamano anche le varie tipologie giocate nella storia, ma soprattutto, il gioco del 21 offre tantissime curiosità tra mito e leggenda che raccontano o ipotizzano la sua storia.

Il blackjack francese e spagnolo

Ben quattro secoli prima di approdare sulle piattaforme online, il blackjack nasce in Francia a cavallo tra il 17° e il 18° secolo, ed era conosciuto con il nome di vingt et un: 21.

Le prime testimonianze del blackjack si trovano nei racconti di Miguel de Cervantes, che parla apertamente del 21, ma in Spagna già esisteva un gioco simile chiamato 31. La novella dove Cervantes parla del 21 è Rinconete y Cortadillo, contenuta nella raccolta Novelas Ejemplares, che ha ispirato le grafiche di diverse versioni storiche del blackjack presenti sui siti di casinò digitali.

Il blackjack come il Sette e Mezzo e la sua diffusione a Las Vegas

Non sfugge all’occhio attento del giocatore la somiglianza tra il 21 e il 7 e mezzo italiano, infatti, con tutta probabilità il blackjack è stato influenzato da diverse culture, gli studiosi non escludono la possibilità che sia ispirato proprio al sette e mezzo, tuttavia, non possediamo prove concrete e tangibili della sua genesi.

Dati sicuri riguardano la sua divulgazione prima nei casinò italiani di Venezia e Sanremo, così come nel resto d’Europa a Montecarlo e Baden, poi attraverso i casinò di Las Vegas, che dal 1931 hanno incluso il blackjack nelle sale da gioco.

Le carte lombarde, toscane e quelle francesi

Una delle curiosità che proverebbero anche l’influenza del sette e mezzo nel blackjack, riguarda le carte da gioco milanesi e lombarde, perché hanno i semi uguali a quelle francesi: picche, cuori, fiori e quadri.

Sui casinò digitali sono presenti giochi con le carte milanesi, oltre a quelli classici ci sono tra le categorie anche giochi tradizionali italiani. Anche le carte toscane presentano i semi uguali a quelle francesi, un ulteriore indizio che alimenta il mito del blackjack come evoluzione del sette e mezzo.

Il MIT blackjack Team ha ispirato film e slot online

Tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta il MIT Blackjack Team ha sbancato tutti i casinò di Las Vegas giocando con metodi matematici e strategie basate sulle statistiche. Il gruppo di cervelloni era formato da un professore dell’università di Boston e dai suoi migliori alunni, da questa storia è stato girato un film, una pellicola tra le più famose e iconiche: 21.

Questo film ha ispirato numerose grafiche dei casinò digitali e lanciato nel mito il gioco del blackjack con la famosa frase ripetuta a raffica in parecchie scene: 21, vittoria, grande Baldoria.

Napoleone Bonaparte ha inventato diverse strategie vincenti al blackjack

Per gli amanti del blackjack digitale a tema storico, quello ispirato a Napoleone Bonaparte ha solide basi, perché l’imperatore francese amava a tal punto questo gioco da insegnarlo persino ai suoi soldati quando non trovava nessuno con cui giocare. A quanto pare, anche diverse strategie vincenti usate ancora oggi sono state inventate da Bonaparte.

Questo fatto chiarirebbe meglio anche l’origine francese del 21, un gioco che ha attraversato la storia dalla nascita fino ai casinò digitali contemporanei.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano