12.4 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Virano: “Il Tav è irreversibile”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Il 2013 segna l’irreversibilità del progetto della Torino-Lione». Non poteva trattenersi il commissario governativo Mario Virano dal dare tale notizia. Un annuncio in pompa magna, come è consuetudine nel fronte del sì al Tav, dato durante la conferenza stampa di fine anno sulla linea ad alta velocità.
Un po’ di confusione si respira tra il “sì” e il “oui” alla Torino-Lione, anche perché in quel di Francia l’opera non è considerata prioritaria e i lavori sono slittati al 2030, ma qui nel territorio nostrano, nel vertice italo-francese, politici e immanicati nella grande opera si sono prodigati per sottolineare come «l’infrastruttura non più come un progetto, ma come un’opera in corso».
«Il vertice di Roma – ha sottolineato Virano – ha indicato obiettivi molto concreti, e il 18 dicembre la commissione intergovernativa riunitasi a Roma ha tradotto le indicazioni in input operativi, dando a Ltf il via libera a procedere su tutta una serie di operazioni: chiudere entro l’estate la gara per la discenderia di Saint Martin la Porte che consentirà a cavallo tra il 2014 e il 2015 l’apertura del cantiere della parte più difficile di 9,5 chilometri del tunnel di base dove ci sono le rocce friabili».
«E questo significa – continua – che ci portiamo avanti con il lavoro in modo che la restante parte, che sarà scavata in roccia compatta e di cui si prevede un periodo di scavo intorno ai sei anni, arrivi in contemporanea».
Virano ha poi ricordato che la fine dei lavori del tunnel geognostico del cantiere di Chiomonte è prevista a fine 2015.
Ma non solo, come sempre nelle occasioni in cui i riflettori sono puntati sul Tav, non si perde occasione per far vedere come si è bravi nel svolgere i compitini a casa. E così ecco comparire l’elenco dei buoni propositi per il nuovo anno, d’altronde prassi inflazionata con l’appropinquarsi di un nuovo anno: «Ltf dovrà predisporre anche l’avvio delle opere preliminari, tra cui un pozzo di ventilazione nella parte francese e nella parte italiana la realizzazione della prima galleria tra Susa e Bussoleno per collegare ferroviariamente l’area del cantiere con la linea storica, il trasferimento dell’autoporto di Susa e della pista guida sicura nella nuova sede e la realizzazione della svincolo autostradale di Chiomonte».
Un programma ricco che galvanizza Virano: «Nel frattempo – ha aggiunto – si avvierà il passaggio da Ltf al nuovo soggetto promotore che avrà come azionisti non più le società ferroviarie, ma direttamente i due governi nel cui consiglio di amministrazione siederà il rappresentante della commissione europea che mette il 40% dei fondi».
Fondi europei: un piatto succulento certo. Ma per ottenere il 40% il Bel Paese dovrà sborsarne il 100%.
Ed è proprio sul tema del finanziamento europeo che Virano ha ricordato come «si lavora per predisporre il complesso dossier di richiesta formale e nel giugno del 2014 è prevista la convocazione di una commissione intergovernativa che raccoglierà il lavoro istruttorio che verrà fatto nei prossimi sei mesi».
Insomma un fiume di parole autoreferenziali sull’utilità di un’opera i cui costi ricadranno sui nostri figli e sui nostri nipoti e che distruggerà il welfare.
Ma anche se ci metteremo anni per un esame medico e le scuole cadranno a pezzo, raggiungeremo Lione in un’ora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano