15.2 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Viotti: “Torni la politica, non i caminetti. Si voti dopo legge elettorale”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di B.B.M.

Dal Parlamento Europeo di Bruxelles, Daniele Viotti interviene per commentare gli attriti interni al Partito Democratico.

«Le riunioni tra maggiorenti del Partito Democratico e Matteo Renzi, di cui leggiamo resoconti sui giornali, mi lasciano perplesso», dice l’europarlamentare in quota Pd. «Pensavo che il tempo dei “caminetti” fosse finito e che ad essere rottamati non dovessero essere tanto le persone quanto i metodi. Domani, dopo la conferma di Gianni Pittella a capogruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, partirò da Bruxelles per essere a Roma in tempo per la direzione nazionale».

«Confido sia il momento per parlare di futuro, di politiche per riconquistare la fiducia dei cittadini, di giustizia sociale, non il tempo di mere tattiche e la ratifica di quanto già deciso in altre sedi – prosegue Viotti – La nostra urgenza sono i giovani, la più grande opera pubblica di cui il Paese ha veramente bisogno».

«C’è, tuttavia, una questione tecnica urgente da affrontare – conclude l’europarlamentare -, la legge elettorale. Andare a votare con due leggi distinte (alla Camera e al Senato) e prima che la Corte Costituzionale si sia espressa rischia di consegnare un pasticcio al Paese. Si riapra immediatamente il confronto, il Parlamento può approvare velocemente una legge per le due Camere e portare il Paese, anche in tempi brevi, a elezioni».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano