16.9 C
Torino
domenica, 9 Maggio 2021

Valle-Rossi: il punto sui vaccini in Piemonte

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I consiglieri regionali del Partito Democratico Daniele Valle e Domenico Rossi osservano i dati sulla campagna vaccinale in Piemonte.

Il Piemonte è DECIMO (su 20 regioni) per % di dosi somministrate rispetto alle ricevute (https://www.governo.it/it/cscovid19/report-vaccini/).
Il Piemonte è NONO per popolazione che ha ricevuto la prima dose e SESTO per popolazione che completato il ciclo (dati Gimbe).
Il Piemonte, secondo l’indice vaccinale di Youtrend, è OTTAVO in Italia. L’indice considera la percentuale di dosi utilizzate, le percentuali di ospiti RSA, over 80 e 70-79 e l’accelerazione rispetto alla settimana precedente.
“Questi sono i numeri veri: al di là dei proclami e dei finti allarmi sulle scorte, il Piemonte è nella media nazionale e sono molte le regioni che stanno facendo meglio” osservano i due consiglieri che notano anche come “ci sono problemi che si continuano a non affrontare”:
1) Facciamo numeri, ma li facciamo “facili”, lasciando indietro le vaccinazioni a domicilio dei più fragili.
2) Il Piemonte si ostina a non voler offrire un sistema di prenotazione che comunichi data e luogo della vaccinazione. Ieri l’ennesima boutade di Cirio: al mattino annuncia che non è d’accordo con le prenotazioni (https://www.facebook.com/regione.piemonte.official/posts/4357115490967930), al pomeriggio annuncia una nuova app piemontese che offrirà data e luogo del vaccino. Entro quando? Ma perché non adottare lo strumento operativo di Poste Italiane, già pronto e adottato da molte regioni con successo?
3) Meno della metà dei medici di base ha scelto di diventare “medico vaccinatore”. Questo sta sovraccaricando i centri vaccinali delle ASL e, nello stesso tempo, creando una discriminazione tra i cittadini che, pur appartenendo allo stesso sistema sanitario ricevono un trattamento diverso. Chi viene vaccinato dal medico di base infatti passa molto prima.

“Sono queste le questioni su cui dovrebbero lavorare senza sosta il Presidente e la Giunta, senza perdersi negli annunci anche perché è sempre più chiaro che la gara a cui stiamo partecipando non è di velocità, ma di resistenza e farà bene il suo lavoro chi sarà in grado di mettere in piedi un sistema capace di reggere nel tempo” concludono Valle e Rossi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano