19 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Vaccini, Valle e Rossi: “Anche Piemonte crei liste di riserva”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I consiglieri regionali del Partito Democratico Daniele Valle e Domenico Rossi tornano a sollecitare la Regione Piemonte per una migliore organizzazione della campagna vaccinale, dopo che questa mattina è stato ascoltato il commissario Antonio Rinaudo che ha fornito i dati suddivisi per Asl. 

I due dem osservano come “i responsabili della campagna lamentano poca disponibilità di dosi e indicazioni non sempre chiare sulle categorie da vaccinare, ma le 20.000 dosi al giorno sono ancora lontane. Siamo perciò convinti che non sia solo un problema di dosi disponibili, ma di personale da reclutare e organizzazione sul campo, soprattutto nei giorni in cui il Governo chiede uno sforzo maggiore e anche le 20.000 rischiano di rivelarsi insufficienti con l’arrivo di Johnson & Johnson. Servirà una capacità di 36.000 somministrazioni giornaliere”.

Valle e Rossi chiedono inoltre chiarimenti sui tempi di vaccinazione della popolazione carcerarie e su medici in pensione di cui ancora non si conosce la disponibilità a vaccinare “mentre restano basse le adesioni dei MMG, solo 1250 circa su quasi 3000 totali. Ci auguriamo che questi numeri aumentino nelle prossime settimane e che si traducano in un impiego effettivo: raccogliamo molte segnalazioni di mancato coinvolgimento”.

“Continuiamo, inoltre, a ricevere segnalazioni di dosi sprecate a fine giornata perché anche il sistema di overbooking non garantisce l’utilizzo di tutte le dosi preparate, soprattutto a fine turno. Siamo stati rassicurati sul fatto che tramite l’overbooking e la panchina lunga le dosi non vengano sprecate, ma utilizzate nella giornata successiva, ad eccezione di quelle di Pfizer che non possono essere conservate. Non sarebbe meglio che anche il Piemonte si doti delle “liste di riserva” di volontari disponibili a raggiungere il centro vaccinale in un tempo ristretto? Eviteremmo così, ogni spreco” concludono i consiglieri.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano