7.3 C
Torino
martedì, 13 Aprile 2021

Lettera minatoria a Icardi. Lega: “Non si ferma il nostro lavoro”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Solidarietà da parte della Lega piemontese all’assessore Luigi Icardi che ha ricevuto una busta sospetta ieri sera nel suo assessorato. 

“Le vili intimidazioni subite non faranno arretrare di un solo millimetro l’impegno encomiabile con cui sta lavorando per il bene della salute dei piemontesi in questa delicata fase della lotta alla pandemia” ha commentato Flavio Gastaldi, deputato cuneese della Lega e sindaco di Genola, esprimendo “totale solidarietà e vicinanza all’assessore regionale. “Attendiamo in ogni caso che gli inquirenti risalgano all’autore di questa iniziativa inqualificabile e che la giustizia penale faccia il suo corso”, aggiunge l’esponente del Carroccio.

Ugualmente il capogruppo della Lega in consiglio Regionale Alberto Preioni ha affermato come “Le minacce di qualche folle vigliacco non sapranno incrinare schiena dritta e coraggio nelle scelte, due caratteristiche che hanno sempre contraddistinto il suo ruolo alla guida della Sanità piemontese anche nell’emergenza Covid che sta entrando nel suo momento supremo, quello delle vaccinazioni”.

Intanto, sulla lettera sospetta sta indagando la Digos di Torino. La busta che si temeva contenesse esplosivo è risultata avere solo del topicida al sui interno. Resta invece ancora da capire chi possa averla recapitata. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano