10.8 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Un cappello da giullare per il premier. Renzi contestato al Politecnico

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Matteo Renzi al Politecnico si è fatto attendere. È arrivato con un po’ di ritardo, anche alla luce delle contestazioni che lo aspettavano, ragione per la quale al premier non è stato affatto possibile fare il suo ingresso su un tappeto rosso srotolato lungo la porta principale di corso Duca degli Abruzzi. Il presidente del Consiglio ha partecipato all’Inaugurazione dell’anno accademico del celebrato Politecnico.
Davanti all’ateneo una nutrita presenza di contestatori: innanzitutto studenti, ma anche sindacalisti e operai. Il presidio ha atteso l’arrivo del premier davanti al Politecnico, sotto gli occhi vigili di un corposo schieramento di forze dell’ordine, dopodiché si è trasformato in corteo ed è andato a bloccare l’incrocio tra corso Einaudi e corso Duca degli Abruzzi, poi quello fra corso Stati Uniti e la via dell’Università. Un presidio è rimasto stabile davanti all’ingresso del Politecnico, luogo nel quale è tornato il corteo, prima di sciogliersi.
All’interno dell’ateneo, nell’aula magna, Renzi ha riproposto le sue formulette sui saperi, sempre i primi ad esser decantati dalla politica ma anche i primi ad esser colpiti da tagli e svalutazioni. Emblematiche le parole del premier sul sistema Università: «Negare che vi siano diverse qualità nell’università è ridicolo. Ci sono università di serie A e B nei fatti e rifiutare la logica del merito e la valutazione dentro l’università e pensare che tutte possano essere uguali è antidemocratico, non solo antimeritocratico». Nel tempio universitario dell’eccellenza, il Politecnico, la legge della meritocrazia secondo il premier.
La contestazione è arrivata anche in aula, appena Renzi ha terminato il suo discorso. Un rappresentante degli studenti ha disapprovato il premier con un cappello in mano: «Contro questo capolavoro di retorica mi prendo la responsabilità di consegnarle questo cappello da giullare». I cappelli da giullare sono destinati ad andar sulla testa dei buffoni. Ognuno interpreti come ritiene. Lo studente è stato subito allontanato dalla sicurezza.
La maratona torinese di Renzi si è andata a concludere a Moncalieri, dove il premier ha visitato la Fissore Ceramiche, dove è stato accolto dal sindaco Roberta Meo. Qualche applauso e qualche selfie avranno risollevato lo spirito al presidente del Consiglio dopo il benvenuto non propriamente caloroso trovato al Politecnico?

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano