19.4 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Ultras Lazio arrestati in Polonia diventa un caso diplomatico

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Sta diventando un vero e proprio caso internazionale quello dei 22 tifosi laziali da giovedì scorso nel carcere di Varsavia per gli scontri avvenuti nel prepartita di Legia-Lazio di Europa League.
Dopo gli appelli di amici e parenti, che nei giorni scorsi hanno organizzato un sit-in sotto la Farnesina e le promesse del ministro degli Esteri Emma Bonino per una veloce scarcerazione, ora è il turno del premier Enrico Letta.
Il primo ministro, che ha ricevuto anche una lettera con richiesta d’aiuto dalle famiglie dei tifosi, è volato in Polonia per incontrarsi con il collega polacco e cercare di sbloccare la situazione. «Sugli incidenti avvenuti a Varsavia – ha affermato il presidente del Consiglio nel corso di una conferenza stampa congiunta – e sugli arresti di italiani, in un numero significativo, di cui alcuni sono in carcere, ho espresso preoccupazione chiedendo nel rispetto delle leggi e della separazione dei poteri una attenzione particolare e la massima accelerazione possibile nella applicazione delle regole».
Parole condivise anche dal primo ministro polacco Donald Tusk che ha garantito di essere già al lavoro con il collega titolare della Giustizia per snellire le procedure e velocizzare il rimpatrio dei laziali.
Meno incoraggianti sono invece le parole del ministro dell’Interno polacco, Barlomiej Sinkiewicz, che in tv si è espresso sulla vicenda sostenendo come di comprendere «il dolore dei familiari dei tifosi laziali arrestati in Polonia, ma la verità è che una parte di loro si trova a Varsavia per assistere i propri figli “banditi”. E poi la legge è uguale per tutti, sia per i polacchi sia per gli stranieri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano