12.4 C
Torino
lunedì, 24 Giugno 2024

Trofarello, arrestato rapinatore grazie a una cartellina porta documenti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È stato identificato grazie alla cartelletta porta documenti. Destino infelice per un rapinatore a cui i carabinieri di Vigevano, in provincia di Pavia, sono riusciti a dare un volto e un nome. Ma non perché avesse dimenticato la carta d’identità, ma perché incautamente aveva lasciato le proprie impronte sull’elastico della cartellina.
Si tratta di Carmelo Sole, imprenditore 36enne, arrestato a Trofarello, a pochi chilometri da Torino, per aver rapinato la Banca Popolare di Novara a Robbio, vicino a Pavia.
L’uomo, insieme a dei complici, aveva dato l’assalto alla filiale. La banda aveva legato le mani e i piedi di quattro impiegate, le avevano rinchiuse nel caveau e poi erano fuggiti con un bottino di 34mila euro.
Ma un dettaglio, come detto, ha incastrato Carmelo Sole: una cartellina gialla porta documenti che le impiegate si ricordavano di averla visto in mano a una dei rapinatori. In seguito alle ricerche la stessa è stata ritrovata appoggiata a un mobile. Il lavoro dei Ris ha fatto il resto: gli agenti infatti sono riusciti a estrapolare il dna e identificare così Sole, il cui profilo era già inserito nel database delle forze dell’ordine perché era stato arrestato nel 2012 per un colpo in un’altra banca di Garlasco, sempre vicino a Pavia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 
 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano