9.2 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Toro, El Kaddouri miglior calciatore della serie A di novembre

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Omar El Kaddouri è il miglior giovane giocatore di novembre insieme a Domenico Berardi del Sassuolo e Francesco Matuzalem del Genoa.
Il centrocampista granata è al top della classifica stilata dal Cies (Centro Internazionale di Studi sullo Sport) che ha preso in considerazione cinque parametri, che hanno un vincitore per ogni categoria. La cui combinazione dei vari fattori ha poi creato la top tre. I parametri sono: l’efficacia nel tirare e segnare, con esclusione dei rigori (parametro in cui El Kaddouri è risultato il migliore); l’abilità nel creare assist e occasioni da gol per i compagni di squadra (Matuzalem, Genoa); l’efficacia nel dribbling, nei cross e nei tiri dal corner (Juan Cuadrado, Fiornetina); l’abilità nel creare passaggi precisi, con enfasi sui traversoni (Nigel De Jong, Milan); la capacità di intercettare i palloni e interrompere le occasioni da gol degli avversari, in particolare da distanza ravvicinata (Nicola Murru, Cagliari).
Certo stupisce vedere El Kaddouri eccellere nella classifica dei tiri invece del compagno di squadra Alessio Cerci, visto che il giovane belga-marocchino ha segnato solo due gol in serie A, mentre il romano è al secondo posto della classifica marcatori italiana. Ma c’è da tenere in considerazione che la classifica considera mese per mese, e in questo caso il mese preso in esame è, come detto, novembre.
Questa classifica non può che far piacere al giovane centrocampista, che domenica affronterà la Lazio in casa. «La Lazio è una grande squadra e ha calciatori di livello mondiale – ha detto El Kaddouri – Sono in un periodo delicato ma hanno la capacità di gestire questi momenti. Li ho visti contro il Napoli e hanno pagato un po’ di sfortuna, ma hanno giocato molto bene a calcio. Forse sono in un periodo di crisi di risultati, ma non certo di gioco. Il mister ha studiato con attenzione l’avversario, come sempre».
«Abbiamo lavorato sul video e prepareremo le contromosse – continua – Contro il Genoa abbiamo interpretato molto bene il match e vogliamo ripeterci anche domenica prossima. Siamo consapevoli che possiamo giocarcela contro tutti, anche contro una squadra importante come la Lazio, che a mio avviso è tra le 5/6 squadre più forti della serie A».
«Del mio futuro si parlerà a fine stagione: ma non ho mai detto che voglio far bene qui per tornare a Napoli, bensì che voglio dimostrare quanto valgo per riscattare la scorsa annata che non mi ha visto protagonista» conclude il centrocampista granata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano