16.9 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Torino, sparatoria dopo una rapina fallita: un morto

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un inseguimento con sparatoria culminata in un morto: scene da film d’azione in corso Moncalieri, in pieno centro di Torino, in un sabato pomeriggio affollato di gente. La vittima è Giuseppe Virdò, 45 anni, che stava cercano la fuga dopo aver tentato una rapina nella centralissima via Garibaldi.
I fatti. Tutto accade attorno alle 17. Secondo la prima ricostruzione degli inquirenti l’uomo, un pregiudicato residente a Moncalieri, avrebbe cercato di svaligiare, come detto, un negozio. Il proprietario, però, nota subito un comportamento sospetto e chiama la vigilanza. Il rapinatore, a quel punto, punta due pistole alla testa del sorvegliante della Sudtiroler Ronda, arrivato tempestivamente, costringendolo a portarlo fino in piazza Castello. Non è solo. Due persone, tra cui una donna, aspettano a bordo di una Fiat Multipla blu scuro. Ed è qui che inizia il folle inseguimento, prima della Opel Corsa con a bordo la guardia giurata, poi della polizia, nel frattempo avvertita.
La zona tra i ponti Vittorio Emanuele I e Umberto il malvivente viene bloccato. Una pattuglia riesce ad accerchiare l’auto con a bordo Nardò in corso Moncalieri, di fronte al supermercato Simply, a pochi metri dal ponte Isabella. Ciò che accade in quel momento nella mente dell’uomo si può solo supporre: sentendosi probabilmente braccato come un’animale in trappola, frena, scende dalla macchina con le pistole in mano e se le punta alla testa, mentre la sua complice scappa. Poi cambia idea e si mette a sparare contro le auto della polizia, forse cercando di impossessarsi di una. Ed è in questo momento che inizia la sparatoria da Far West: pochi istanti e l’uomo è a terra, morto.
Subito dopo la polizia ha fermato un uomo e una donna, presumibilmente i due complici di Virdò, e li ha portati in Questura dove gli inquirenti stanno procedendo all’interrogatorio.

 ©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano