16 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Toglieva pure l’acqua calda a moglie e figli: arrestato per maltrattamenti in famiglia

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono le 22 di giovedì scorso; alcuni poliziotti del commissariato Dora Vanchiglia di Torino sono impegnati in un servizio di controllo del territorio nei pressi dei giardini Alimonda, quando vengono avvicinati da una donna in lacrime.

La donna, proveniente dal Nord Africa, ma residente in Italia da svariati anni, riferisce di essere appena scappata da casa dove il marito, a seguito di un litigio, la aveva aggredita con violenza, utilizzando anche una sedia. Solo il provvidenziale intervento del figlio maggiorenne della coppia, che si era frapposto fra i due, aveva evitato conseguenze peggiori per lei.

Gli agenti, dopo averle dato i primi soccorsi ed averla accompagnata in Commissariato, considerata anche la pioggia battente di quella sera, si recano presso l’abitazione della coppia: qui trovano il marito, un cittadino marocchino, per nulla preoccupato per quanto accaduto. La cucina porta i segni della recente colluttazione: un lampadario infranto, cocci di piatti e bicchieri in mille pezzi sul pavimento, e la sedia con la quale l’uomo aveva tentato di colpire la moglie prima, e successivamente il figlio, rotta.

Per lui è del tutto normale così: sono mesi infatti che con ogni pretesto, alla minima incomprensione con la moglie, lui è solito redarguirla, insultarla, minacciarla, colpirla e porre in essere angherie di ogni tipo. Come, ad esempio, chiudere il rubinetto dell’acqua calda dopo averla usata, portandosi dietro la chiave, in modo da impedirne il consumo al resto della famiglia; oppure, la notte, chiudersi a chiave nella camera da letto e costringere la moglie a dormire su un materassino per terra in corridoio.

Quella sera, si era impadronito dei documenti della donna e dei figli prendendoli furtivamente dalla borsa di lei; alla richiesta di restituirle gli effetti personali, l’uomo aveva dato in escandescenze. I poliziotti del Commissariato Dora lo hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano