10.4 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Tav, Maccanti e Rixi (Lega): “Serve commissario con urgenza”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Un appello dei deputati della Lega Elena Maccanti, capogruppo in Commissioni Trasporti, ed Edoardo Rixi, responsabile nazionale Infrastrutture e componente della Commissione Trasporti, perchè il governo prenda in mano una volta per tutte la questione della Tav, anche alla luce dei nuovi attacchi da parte del Movimento che si oppone all’Alta Velocità in Valsusa. 

“L’ennesimo atto intimidatorio nei confronti di un’azienda che lavora intorno alla realizzazione della tav in Valsusa richiede una risposta forte da parte del governo e ripropone l’urgenza della necessità di commissariamento dell’opera” affermano i parlamentari leghisti dopo la notizia del raid vandalico contro la sede di Telf avvenuto nella notte a Torino. 

In particolare Macanti e Rixi rivolgono un appello ministro Giovannini che “non ha ancora dato l’ok alla firma del contratto di programma tra Mims, Fs e Telt su cui le commissioni hanno dato parere favorevole a dicembre grazie al voto del centrodestra, allora all’opposizione. La tratta italiana, che il governo Conte II aveva inspiegabilmente escluso dalle opere strategiche commissariate col Dl Sbocca-cantieri, deve essere ricompresa nella seconda lista di interventi che il Mims, su richiesta della Lega, si è impegnato ad approvare entro il 30 aprile, definendolo con la Conferenza delle Regioni e col Parlamento. Inoltre bisogna intervenire subito per agganciare tutti i finanziamenti Ue cui è possibile attingere, sia sulla tratta nazionale che internazionale”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano