13.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Strage di operai in Turchia, altre proteste a Istanbul

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Weekend agitato nella capitale turca. La cosiddetta riqualificazione urbanistica e la mancanza di sicurezza nel mondo del lavoro, queste le micce che si incrociano per strade della Turchia, dalla battaglia per lo Gezi park di Istanbul alla strage nella miniera di Soma.
Dieci operai sono morti nel crollo di un ascensore nel cantiere del centro commerciale Torunlar, nel quartiere di Sultanahmet. L’incidente è avvenuto nella città vecchia della capitale, dove continua un’opera di modernizzazione selvaggia, nello spasmodico interesse di attrarre sempre maggiori capitali e investimenti per proseguire una speculazione territoriale senza precedenti.
Dopo la strage degli operai impegnati nel cantiere sono montate diffuse proteste a Sultanahmet, a cui la polizia in antisommossa ha risposto sparando gas lacrimogeni e usando cannoni ad acqua. Le persone in piazza stanno manifestando per la carenza di sicurezza che contraddistingue i cantieri aperti della Turchia.
Anche il premier Ahmet Davutoglu, da poco succeduto a Recep Tayyip Erdogan, diventato presidente della Repubblica, sarà costretto a fare i conti con il dinamismo politico e sociale della Turchia degli anni duemila.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano