13.7 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Stamina, Vannoni rinviato a giudizio per truffa alla Regione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Davide Vannoni è stato rinviato a giudizio nel processo per tentata truffa ai danni della Regione Piemonte. Il fondatore del metodo Stamina, accusato di aver chiesto 500 mila euro alla Regione nel 2008, non si è presentato stamattina a Palazzo di Giustizia per l’udienza preliminare. Ora, dovrà tornare in aula il prossimo 3 di aprile. La decisione è stata presa dal gup di Torino Luca Del Colle.
Cade così nel vuoto la richiesta dell’avvocato di Vannoni, Roberto Piacentino, che aveva chiesto l’assoluzione o che il reato cadesse in prescrizione. Il finanziamento su cui si basa il processo, richiesto nel 2007 per la società Medicina Rigenerativa, era stato inizialmente concesso e poi revocato dalla giunta di centrosinistra guidata da Mercedes Bresso.
Secondo il pm Giancarlo Avenati Bassi, Vannoni, per ottenere i soldi richiesti, avrebbe mentito sull’iscrizione al registro delle onlus e sull’esistenza di un comitato scientifico composto da docenti universitari italiani, russi e ucraini che, in realtà, non si sarebbe mai riunito. Inoltre, il progetto presentato dal guru di Stamina sarebbe stato «privo di contenuto scientifico».
«Sosterremo che non è una truffa, e Vannoni non è venuto – ha detto il legale – perché si tratta di un’udienza di carattere procedurale in cui non é strettamente necessaria la sua presenza. Non c’é stato nessun tentativo di truffa perché nella richiesta di finanziamento alla Regione Piemonte non sono state esposte situazioni non corrispondenti al vero. E il reato, a mio avviso, è prescritto. Secondo noi la prescrizione è già maturata oggi».
Anche Davide Vannoni continua a proclamare la propria innocenza. «Speravo che la vicenda si risolvesse già oggi, vuol dire che dimostreremo in dibattimento la mia innocenza. Sono assolutamente sereno – ha commentato Il presidente di Stamina Foundation, Davide Vannoni. Non sono io a dire che non ho commesso il reato a parlare sono i documenti e li porteremo in dibattimento».
«Faremo valere le nostre ragioni in dibattimento – gli ha fatto eco il suo legale – Vannoni al processo? Credo verrà, ai processi si viene».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano