19.4 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Staffetta Letta-Renzi, De Benedetti: “E' democraticamente ardito”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ormai l’unto dei democratici e del Quirinale è Matteo Renzi. Enrico Letta ha fatto il passo indietro presentando le dimissioni. E il mondo politico, ma non solo, si interroga sul futuro del Bel Paese.
A intervenire in merito alla “staffetta” è il torinese Carlo De Benedetti, editore e tesserato Pd: «E’ democraticamente ardito».
«Non faccio né dietrologie né astrologie – premette De Benedetti-, ma se Renzi farà bene di questo passaggio ci dimenticheremo in fretta, ma se farà male ci ricorderemo solo di questo».
«Che il paese abbia bisogno di mettersi in moto – ha proseguito De Benedetti a margine della presentazione di un’iniziativa di Co-working a Torino – è evidente». De Benedetti infatti osserva che la crescita del Pil dello 0,1% resa nota oggi dall’Istat «fa divertire soltanto i matematici».
«La potenzialità e l’energia ci sono – continua – Renzi è una persona che ha un livello di energia e di empatia che sono due doti individuali ma fortemente utili per motivare gli altri e che altri non hanno. Poi si vedrà non si può giudicare oggi».
«Certo – rileva De Benedetti – è un cambiamento che è avvenuto in un modo pirotecnico e certamente anomalo ma non mi fermerei tanto a fare l’analisi sul come e perché. Il problema è questo aiuta a rimettere in modo il Paese?».
«E’ la risposta giusta e la cosa bella è che lui ha voglia di farlo – spiega l’imprenditore – Oggi è difficile trovare gente che ha voglia, che non lo fa per una convenienza personale ma perché gli piace e ha voglia. E’ una scelta ottima».
De Benedetti, passando alla politica locale, ha poi parlato anche del renziano Sergio Chiamparino la cui candidatura alla guida della Regione Piemonte definisce «eccellente»: «E’ la risposta giusta e la cosa bella è che lui ha voglia di farlo. Oggi è difficile trovare gente che ha voglia, che non lo fa per una convenienza personale ma perché gli piace e ha voglia. E’ una scelta ottima».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano